Salvaguardia di città e laguna

Progetto di legge Bazzaro: "Stanziamento strutturale di 1,8 miliardi l'anno per Venezia"

Chiesto anche un commissario per la salvaguardia della città e della laguna che superi l'autorità attualmente prevista.

Progetto di legge Bazzaro: "Stanziamento strutturale di 1,8 miliardi l'anno per Venezia"
Politica Venezia, 25 Febbraio 2021 ore 11:10

Venezia. Lega chiede 1,8 mld l'anno per la sua specialità. Bazzaro: e anche un commissario ad hoc per la salvaguardia.

Progetto di legge Bazzaro presentato ieri dal deputato veneziano

Uno stanziamento strutturale per Venezia di ben 1,8 miliardi l'anno e un commissario per la salvaguardia della città e della laguna che superi l'autorità prevista. Questo, in sostanza, come riportato dall'agenzia "Dire", quanto previsto dal progetto di legge presentato ieri, mercoledì 24 febbraio 2021, dal deputato e consigliere comunale veneziano Alex Bazzaro (Lega), sottoscritto anche dai deputati leghisti Giorgia Andreuzza, Ketty Fogliani e Sergio Vallotto. In concreto, il progetto di legge prevede rifinanziamento della Legge speciale per Venezia con 400 milioni nel 2021, e 1,8 miliardi l'anno a partire dal 2022.

Progetto di legge Bazzaro: "Stanziamento strutturale di 1,8 miliardi l'anno per Venezia"

Progetto "in viaggio" verso la commissione Ambiente

La cifra, decisamente più elevata dei 150 milioni l'anno per 10 anni chiesti dal sindaco Luigi Brugnaro e da una mozione approvata all'unanimità dal Consiglio comunale, sarebbe "omnicomprensiva di risorse per la manutenzione e la salvaguardia della città e della laguna, risorse strutturali per la gestione del Mose e risorse da destinare a sgravi fiscali per attrarre imprese produttive e consentire a quelle presenti di proseguire la loro attività", spiega Bazzaro alla 'Dire'.

"L'idea è di portare il progetto di legge in commissione Ambiente e fare poi una sintesi con le altre proposte di rifinanziamento della Legge speciale che sono arrivate", continua il leghista veneziano.

"Fino a qualche settimana fa sapevamo che le nostre proposte di riconoscimento della specialità di Venezia non sarebbero state valutate, ma ora è cambiata la compagine di Governo e possiamo sederci al tavolo con l'obiettivo di fare sintesi delle proposte".