L'appello

Shopping natalizio, i commercianti: “Comprate nei negozi sotto casa non online”

Nonostante il periodo difficile gli esercizi commerciali di Mirano pagheranno (insieme al Comune) le luminarie per "accendere" la città nel periodo di feste.

Shopping natalizio, i commercianti: “Comprate nei negozi sotto casa non online”
Economia Mirano, 03 Dicembre 2020 ore 15:33

Nonostante le difficoltà, botteghe e amministrazione comunale garantiranno le luminarie. In cambio chiedono ai cittadini di sostenere il commercio di prossimità.

Shopping natalizio

“A Natale fai un regalo alla tua città”. Con questo slogan i commercianti di Mirano lanciano l’iniziativa per queste feste ormai alle porte. Il Covid impedirà di organizzare in piazza le iniziative degli ultimi anni, quando Mirano era una delle città dove più si sentiva il calore e l’atmosfera delle feste.

Grazie proprio all’impegno dei commercianti, la piazza ovale era diventata negli anni una tappa fissa per gli amanti dei mercatini di Natale, con le tradizionali casette in legno, il giardino delle feste con un vero e proprio bosco incantato, la casetta di Babbo Natale e la pista di pattinaggio su ghiaccio, il tutto accompagnato da splendide note musicali natalizie di sottofondo, grazie all’impianto di filodiffusione.

Quest’anno mancherà molto questa atmosfera, perché le restrizioni e soprattutto il buon senso chiedono di non creare occasioni di assembramento.

Shopping natalizio, i commercianti: "Comprate nei negozi sotto casa non online"

Luminarie garantite nonostante il periodo difficile

Ma i commercianti, assieme all’Amministrazione comunale, non si son persi d’animo: garantiranno, nonostante le difficoltà del momento, le luminarie e l’addobbo delle vetrine, che dunque anche quest’anno illumineranno Piazza Martiri e le vie del centro storico, compresa via Gramsci.

“E’ uno sforzo – spiega il capo delegazione di Confcommercio per Mirano Roberto Rossato – soprattutto per quelle attività che da mesi patiscono chiusure, limitazioni e un conseguente cospicuo calo d’affari. Ci sentiamo però legati alla città in cui lavoriamo e abbiamo deciso di impegnarci per garantire un po’ di calore in queste feste, che sappiamo essere difficili per tutti.

Sappiamo che non potremo vivere la piazza come vorremo, trovarci in centro per scambiarci gli auguri, acquistare prodotti tipici del periodo con i tradizionali mercatini delle feste, ma per questo vogliamo comunque dare un messaggio: noi ci siamo, lavoriamo per quanto ci è concesso e rimaniamo aperti per garantire in questa piazza, nelle vie del centro e dei quartieri, praticamente tutte le categorie merceologiche che possono servire per gli acquisti di Natale.

Vorrei dire di più ai miranesi: per tanti anni abbiamo garantito una piazza bellissima e un’atmosfera natalizia senza eguali, contribuendo penso, a rendere più bello il Natale. Con la certezza che un giorno torneremo ad abbracciarci nella nostra piazza, circondati da tutti i nostri negozi, ora dobbiamo aiutare il commercio: se dobbiamo acquistare un regalo, un prodotto per la tavola delle feste, un addobbo, facciamolo in una delle tante botteghe della piazza, dei quartieri e delle frazioni di Mirano.

Evitiamo gli acquisti online o nei centri commerciali. Anche da questo dipenderà la sopravvivenza di molte attività“.

L’appello: “Evitiamo gli acquisti online”

Non lasciamoci affascinare dalle piattaforme onlineaggiunge Ennio Gallo, presidente di Confcommercio del Miranese – dobbiamo avere ognuno la capacità di indirizzare le nostre scelte e le conseguenze che queste avranno per il nostro stesso futuro.

Da un lato, abbiamo marchi esteri con sede in paesi che fanno dumping fiscale verso altri stati, non pagano le tasse in Italia ma si prendono il nostro mercato e soprattutto non contribuiscono a mantenere accese le luci dei nostri paesi, facendo circolare mezzi per le consegne con il conseguente aumentare traffico e inquinamento, quintali di imballaggi e costi di energia per produrli e smaltirli.

Dall’altro lato abbiamo piccoli negozi di concittadini che oltre ad essere stati i soli a garantire la sussistenza delle nostre comunità durante i mesi critici della pandemia, continuano nonostante le difficoltà a mantenere accese le luci del paese dove viviamo, a pagare le tasse per garantire la sussistenza del nostro paese, servizi sanitari compresi e assicurare una socialità che è quell’aspetto che oggi, chiusi in casa, ci accorgiamo che è la cosa che più ci manca.

Quello che chiediamo a chi farà acquisti in questo Natale è di mettere le due cose sul piatto della bilancia: ogni cittadino dovrebbe valutare quale delle due cose è più utile all’interesse generale e assicurerà un futuro migliore non solo alle sue tasche, ma anche al paese e al quartiere dove vive”.

Cristian Zara, assessore alle Attività produttive e Commercio

“Per tanti anni, in collaborazione con Confcommercio, abbiamo garantito un clima natalizio senza eguali, permettendo a tutte le nostre famiglie di immergersi in un’atmosfera quasi fantastica: quest’anno, oltre alle luminarie che andranno a coprire un’area ancora più vasta del nostro centro storico ed un nuovo bellissimo albero, chiediamo davvero che a rendere ancora più bello il Natale possano essere i nostri concittadini, facendo vivere i nostri negozi, affinché, anche in questa situazione di restrizioni, possiamo trovare tutti delle opportunità di ripartenza. Restituiamo un po’ di quello che per anni abbiamo ricevuto“.

LEGGI ANCHE: Maltempo in Veneto, fine settimana a rischio: convocata l’Unità di crisi

LEGGI ANCHE: Covid, Zaia: “Nuovo Dpcm produrrà guerra tra poveri” | + 3581 positivi | Dati 3 dicembre 2020

LEGGI ANCHE: Morte Sammy El Fartass, la Procura vuole fare piena luce sulla tragedia: disposta perizia cinematica

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità