Rilancio

Arte a Venezia: che cosa c’è in programma quest’estate alla Biennale

Un racconto che parla della Biennale negli anni e permette a grandi e piccini di perdersi tra gli spazi storici di uno degli eventi più noti al mondo.

Arte a Venezia: che cosa c’è in programma quest’estate alla Biennale
Venezia, 15 Luglio 2020 ore 13:10

A partire da oggi, mercoledì 15 luglio 2020, fino al 25 ottobre 2020, visite gratuite (ma su prenotazione) e attività per grandi e piccini: la Biennale riparte e lo fa in grande stile.

Le visite guidate

Al centro delle visite guidate ci saranno ovviamente le sedi espositive della Biennale, alla scoperta dei luoghi storici di Mostre ed Esposizioni Internazionali, presentate però da un punto di vista inedito legato anche al contesto urbano. Le visite guidate saranno condotte in italiano e in inglese (disponibili su richiesta, soggetta a disponibilità, anche in spagnolo, francese e tedesco).
Le visite guidate all’aria aperta condurranno i visitatori attraverso i Giardini della Biennale, il verde storico e i Padiglioni permanenti, capolavori di architetti internazionali. Sarà possibile approfondire l’affascinante vicenda dei Giardini anche attraverso attività specifiche dedicate alle diverse fasi storiche, con quattro appuntamenti distinti per approfondire gli aspetti architettonici, culturali e politici del luogo, dalla Belle Époque agli anni Venti, dagli ampliamenti degli anni Trenta fino alla ricostruzione e alla globalizzazione.
I percorsi guidati dell’Arsenale risaliranno dalla sua attuale destinazione, grazie ai recenti restauri, agli adattamenti otto-novecenteschi, agli interventi rinascimentali, fino alla sua mitica fondazione medievale.

La mostra “La Biennale all’Arsenale 1998/2020. Gli interventi di restauro e riqualificazione”

All’interno del percorso di visita guidata all’Arsenale, dal 15 luglio al 25 ottobre, si terrà una mostra che illustra gli interventi realizzati dalla Biennale di Venezia all’Arsenale. L’accesso avverrà su prenotazione obbligatoria della visita guidata. Saranno esposti grandi pannelli fotografici nei quali si potranno vedere le immagini degli spazi dell’Arsenale dell’area Sud-Est in concessione alla Biennale, prima dei lavori, durante i cantieri, dopo il completamento delle opere di restauro e riqualificazione. La Biennale infatti, a partire dal 1998, ha condotto un ampio programma di valorizzazione dell’area con l’obiettivo di aprire al pubblico gli edifici, oggi utilizzati dalla Fondazione, per:

• attività espositive (le grandi Mostre Internazionali di Arte e Architettura)
• attività teatrali, di musica e di danza (Settore artistico introdotto con la riforma statutaria del 1998)
• attività di formazione artistica e stage (Biennale College)
• attività della logistica e accoglienza del pubblico

Il programma per le famiglie

Per i più piccoli e le famiglie, saranno attivati percorsi didattici contraddistinti da un colore che andrà a definire la tematica corrispondente. Attraverso una serie di passeggiate all’aria aperta, si alterneranno il Percorso Verde per entrare in contatto con gli elementi naturali e del paesaggio dei Giardini, il Percorso Azzurro, realizzato in collaborazione con CNR-ISMAR (Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Scienze Marine) e CNR-IGG (Istituto di Geoscienze e Georisorse), per immergersi nella storia di Venezia e osservare le strutture architettoniche, la terra e l’acqua dell’Arsenale, il Percorso Giallo per giocare sulla relazione tra architetture, corpo e movimento e il Percorso Rosso che proporrà suggestioni di carattere sonoro. Le attività per le famiglie saranno condotte in italiano.

Foto da LaBiennale

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità