Cronaca
La battuta

Salvini a Venezia: "Invidioso di Zaia? Ma quale rivalità, lo sento più di mia madre" - VIDEO e GALLERY

Il leader della Lega, in Veneto per sostenere i due candidati al ballottaggio e incontrare Zaia, disinnesca i rumors con una battuta.

Cronaca Venezia, 30 Settembre 2020 ore 11:47

Il leader della Lega in Veneto tra lunedì e martedì scorsi per incontrare il Governatore e sostenere i due candidati al ballottaggio.

L’incontro con Zaia

Il tour elettorale (e non solo) di Matteo Salvini in Veneto – o meglio, i “supplementari” imposti dai due ballottaggi a Castelfranco Veneto (Treviso) e Portogruaro (Venezia) – si è concluso ieri, martedì 29 settembre 2020. Con una importante appendice veneziana che ha visto l’incontro con il riconfermato Governatore, a furor di popolo, Luca Zaia.

“Un’ora di incontro con Luca Zaia – ha poi spiegato lo stesso leader della Lega – Lavoro, Pedemontana, Olimpiadi, università e futuro. Grazie ai cittadini veneti 35 eletti su 51 sono della Lega, continueremo il lavoro per meritarci questa fiducia straordinaria”.

La battuta che fotografa il momento

Poi una battuta emblematica per smontare le voci insistenti di una rivalità tra i due, fomentata dal consenso “bulgaro” del presidente del Veneto che molti vorrebbero vedere in una nuova veste nazionale (ambizione che peraltro lo stesso Zaia ha sempre ribadito di non avere minimamente).

Rivalità con Zaia? – ha scherzato Salvini – Macché, se lo sento più di mia madre!”.

Una frase ad effetto per disinnescare i recenti rumors, alimentati anche dalla vocazione sempre più autonomista del Veneto, apparentemente (per molti materialmente) in contrasto con quella sempre più nazionale della Lega salviniana.

“Buongoverno, efficienza, autonomia: orgoglioso del modello Veneto e della grande responsabilità consegnata alla squadra della Lega anche per i prossimi 5 anni – ha tuttavia ribadito Salvini – Se i cittadini hanno affidato al centrodestra i tre quarti delle regioni italiane mi sembra evidente che si debba tenere conto di questo dato democratico anche per la presidenza della Conferenza Stato-Regioni.

Ballottaggi: gli incontri a Castelfranco e Portogruaro

Lunedì scorso il leader della Lega ha invece fatto tappa prima nel Trevigiano, poi nel Veneziano, per sostenere i candidati sindaci nei due ballottaggi a Castelfranco Veneto (Stefano Marcon), e Portogruaro (Florio Favero). Ma la presenza nella Città lagunare è stata l’occasione per un saluto anche il riconfermato sindaco Luigi Brugnaro, passato invece già al primo turno.

“Sono andato a congratularmi di persona con Luigi Brugnaro, riconfermato sindaco di Venezia al primo turno – il post social di Salvini – La Lega è pronta a mettere in squadra le proprie migliori energie anche per i prossimi 5 anni per difendere e rilanciare, dopo le difficoltà dell’epoca Covid, una città che è non solo orgoglio del Veneto e dell’Italia, ma patrimonio dell’intera umanità”.

120434755_10158111564208155_3643751314821648259_o
Foto 1 di 7
120590217_10158111374918155_1023186159899593011_o
Foto 2 di 7
Salvini a Venezia: "Invidioso di Zaia? Ma quale rivalità, lo sento più di mia madre" - VIDEO e GALLERY
Foto 3 di 7
120448286_10158109765958155_5060832449951979569_o
Foto 4 di 7
120331856_1708174002670816_3059605075250174536_o
Foto 5 di 7
120371939_1708175349337348_8951615203553445588_o
Foto 6 di 7
120559430_1709141009240782_6476360490898109154_o
Foto 7 di 7

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter