Marea in arrivo

Acqua alta, Mose pronto a rialzarsi domani: le prime immagini del test dal satellite – GALLERY

Le paratie dovrebbero rientrare in funzione domani per la prevista marea di 135 centimetri. Intanto ecco le suggestive immagini riprese dal satellite.

Acqua alta, Mose pronto a rialzarsi domani: le prime immagini del test dal satellite – GALLERY
Venezia, 14 Ottobre 2020 ore 10:24

Domani, giovedì 15 ottobre 2020 è previsto un massimo di marea di 135 centimetri per le ore 10.45, mentre per venerdì 16 alle ore 11.20 è previsto un possibile picco di 120 centimetri.

Picco di acqua alta previsto per domani

Il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree della Protezione Civile – direzione Polizia Locale del Comune di Venezia ha reso noto che per domani, giovedì 15 ottobre 2020 è previsto un massimo di marea di 135 centimetri per le ore 10.45, mentre per venerdi 16 alle ore 11.20 è previsto un possibile picco di 120 centimetri.

Acqua alta, Mose pronto a rialzarsi domani: le prime immagini del test dal satellite - GALLERY

“Il Centro Maree ricorda che un’alta marea di 135 centimetri statisticamente ha una durata media di circa 3 ore e viene percepita in modo diverso nelle varie parti della città. A San Marco ci saranno circa 40 centimetri di acqua dal piano di calpestìo, a Rialto circa 25 centimetri, mentre il piazzale antistante la stazione ferroviaria sarà bagnato solo nella parte limitrofa al Canal Grande. L’allagamento complessivo del suolo cittadino sarà comunque del 52%.

La saccatura depressionaria che in queste ore sta interessando la costa atlantica dell’Europa centro-occidentale, da oggi, mercoledì, è in spostamento sulla Francia. Tale evoluzione indurrà la formazione di un’area ciclonica tra Sardegna, Liguria e Toscana e quindi la formazione di venti di scirocco lungo il bacino del basso e medio Adriatico. All’origine della previsione la coincidenza del passaggio di questa nuova perturbazione con la marea astronomica di sizigia che in questi giorni presenta valori particolarmente importanti: 81 centimetri alle 10.45 di giovedi e 84 centimetri alle 11.20 di venerdi. Le previsioni sono state analizzate e condivise anche nell’ambito del Tavolo Tecnico per le previsioni marine costituito ormai da tre anni oltre che dal Centro Maree (come organo di Protezione civile locale) anche dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e dal CNR-ISMAR, tavolo che si riunisce ogni qualvolta ci siano previsioni di marea superiori a 110 centimetri.

Gli aggiornamenti: dove seguirli

“Il Centro Maree ricorda che per essere sempre informati sulle previsioni di marea a Venezia o leggere i valori osservati in tempo reale, ha attivato un nuovo servizio via Telegram. Per attivarlo è sufficiente associarsi al canale @centromareevenezia_bot. Per essere avvisati in modo tempestivo in caso di eventi di acqua alta è invece utile iscriversi anche al canale Telegram: CentroMareeAvvisa”.

Si consiglia di seguire gli aggiornamenti delle previsioni, effettuati 24 ore su 24, anche attraverso i seguenti canali:

  • collegandosi al sito del Comune di Venezia www.comune.venezia.it/maree
  • seguendo i profili social del Comune di Venezia e del Centro Maree
  • chiamando il risponditore automatico al numero 041 2411996
  • iscrivendosi al servizio email e sms dal portale DiMe

Il Mose pronto a risollevarsi e a fare da scudo

E con l’alta marea prevista per domani, giovedì, fino a 135 centimetri, dovrebbe rientrare in funzione il Mose, già testato per la prima volta con successo lo scorso 3 ottobre. Una data storica per Venezia, rimasta “aciutta” proprio grazie al sollevamento delle paratie della mastodontica opera.

Guarda qui la prima immagine da satellite di un test di chiusura (quasi) completa delle bocche della Laguna di Venezia con le barriere mobili del MOSE in condizioni di marea normale

4 foto Sfoglia la gallery

Qui invece le modifiche previste al servizio di navigazione

Acqua alta, Mose pronto a rialzarsi domani: le prime immagini del test dal satellite - GALLERY

L’autorità per la Laguna di Venezia

Intanto dallo scorso agosto il Consiglio dei ministri ha varato la norma che costituisce l’Autorità per la Laguna di Venezia che assorbe le competenze dell’ex Magistrato delle acque. Verrà inoltre costituita una società in house interamente partecipata dalla stessa Autorità per la gestione e manutenzione del Mose. La norma prevede anche l’assunzione di personale a tempo indeterminato che andrà a formare l’organico dell’Autorità. Viene  disposta la liquidazione del Consorzio Venezia Nuova e si agevola l’operatività del Centro clima a Venezia quale ente di ricerca, già istituito con la legge di Bilancio 2020. Infine, si recuperano risorse per circa 530 milioni di euro, derivanti da risparmi di oneri finanziari, per il completamento del Mose.

Acqua alta, Mose pronto a rialzarsi domani: le prime immagini del test dal satellite - GALLERY

LEGGI ANCHE:

Ecco come il Mose è riuscito a salvare Venezia dall’acqua alta

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità