Sport
Incredibile

Eterna Fede: con questo super tempo avrebbe vinto gli Europei

Un risultato straordinario, da non credere: ha sbaragliato le avversarie portandosi a casa un tempo pazzesco. Un buon segno per le olimpiadi di Tokyo? Chi può dirlo, di certo, se dovesse davvero lasciare le competizioni dopo le gare di Napoli, l'Italia perderebbe una campionessa che per tanti anni ha portato la nostra bandiera sui gradini più alti delle competizioni internazionali più blasonate.

Eterna Fede: con questo super tempo avrebbe vinto gli Europei
Sport Venezia, 26 Giugno 2021 ore 09:47

Come faremo senza la nostra Fede nazionale? Lascerà davvero il nuoto alla fine di questa strana estate post pandemica? Domande alle quali è difficile dare risposta. L'unica certezza, al momento, è che la Pellegrini è ancora incredibile in vasca: al Trofeo Settecolli ha dominato e si è portata a casa un tempo che le avrebbe garantito l'oro agli Europei...

Eterna Fede: con questo super tempo avrebbe vinto gli Europei

Eterna. Immortale. Divina. Scegliete voi l'aggettivo che più preferite, ma tra quelli appena riportati. Perché non ci sono altre parole per la Kikka nazionale, Federica Pellegrini, la campionessa "immensa" che ancora una volta ha lasciato tutti a bocca aperta. Al Trofeo Settecolli ha letteralmente dominato i 200 stile libero, stracciando le avversarie, imponendo la sua legge, con un impressionante 1:56.23.

Un tempo che le sarebbe valso la vittoria anche ai Campionati europei... e dire che ha appena annunciato di voler terminare la sua super longeva carriera. Evidentemente lo farà in grande stile, come ci ha sempre abituato, se non vincendo, comunque portando a casa risultati straordinari. Ora non resta che attendere l'inizio delle Olimpiadi di Tokyo, penultimo appuntamento per la Pellegrini in vasca, che chiuderà, infatti, la sua lunga stagione sportiva a Napoli, dando l'addio (definitivo?) al nuoto.

In copertina (Foto dal profilo Instagram di Federica Pellegrini) la campionessa in posa di fronte al murales a lei dedicato e realizzato (dall'ex nuotatore Vanni Mangoni) sulla parete della piscina Aquaniene a Roma.