Idee & Consigli

Freelance e benessere: 5 metodi per ridurre lo stress

Freelance e benessere: 5 metodi per ridurre lo stress
Idee & Consigli 06 Ottobre 2022 ore 07:41

Chi lavora come freelance ha sicuramente numerosi vantaggi: non dipende da nessuno e ha la libertà di lavorare da diverse parti del mondo senza dover sottostare ad orari rigidi e fissi. 

Tuttavia, abbiamo anche il risvolto della medaglia. Infatti, la vita del freelance è spesso costellata da numerosi dubbi ed incertezze. 

Insomma, nessuna certezza sullo stipendio o di mantenere un cliente mese dopo mese. 

Proprio per queste ragioni spesso coloro che lavorano come liberi professionisti hanno diversi problemi legati allo stress e all’ansia. 

Vuoi scoprire qualche consiglio per poter migliorare questa situazione? Oggi vogliamo parlare proprio di questo. 

Il numero dei freelance cresce in Italia

Prima di cominciare a scoprire quali possono essere i segreti per ridurre lo stress di coloro che lavorano come liberi professionisti, dobbiamo valutare un dato: il numero dei freelance è in crescita. 

Infatti, stando ai dati Eurostat, il numero di questa categoria di lavoratori sta aumentando negli ultimi anni. In Italia abbiamo 3,6 milioni di lavoratori autonomi, il numero più alto tra i Paesi della zona euro. 

Ebbene, come abbiamo sottolineato anche in precedenza, i freelance sono particolarmente soggetti a fenomeni di stress in quanto la loro situazione economica e lavorativa è spesso incerta. Inoltre, questi lavoratori si trovano a dover lavorare ogni giorno, spesso fino a tardi ed anche nei weekend. Insomma, tutto questo porta a spiacevoli fenomeni di ansia e stress. 

Come se non bastasse, dobbiamo anche aggiungere il fatto che i liberi professionisti devono pagare autonomamente le tasse e, per finire, si è aggiunta da poco anche la fatturazione elettronica. 

Quali sono i modi attraverso cui un libero professionista può ridurre lo stress?

#1 Attività fisica: almeno 10 minuti ogni giorno

Una frase che ci ripetono fin da piccoli è che lo sport fa bene. Effettivamente è davvero così e questo può aiutare anche coloro che soffrono di episodi di ansia e stress. 

Tuttavia, uno dei problemi che caratterizza coloro che lavorano come freelance è la mancanza di tempo. Infatti, questi non possono avvalersi della pausa pranzo, oppure uscire dall’ufficio. Sempre alla stessa ora. 

Eppure, spesso si tratta di scuse. Infatti, basta organizzarsi a dovere per riuscire a fare tutto. 

Ad esempio, un libero professionista potrebbe dedicare a sé stesso un po’ di tempo nel corso della giornata, nel momento che preferisce. 

E no, non è qualcosa di secondario, ma dev’essere visto come una priorità, come se si trattasse di lavoro. 

#2 Disconnettiti 

Per lavoro o per piacere siamo tutti connessi costantemente, sia con il computer che tramite il nostro cellulare. Ebbene, spesso quando stiamo lavorando veniamo interrotti dalle notifiche che ci mettono in difficoltà e alla continua ricerca della concentrazione. 

Anche questo genera stress e ansia perché, perdendoci a guardare le notifiche, finiremo il lavoro più tardi e avremo meno tempo per noi stessi. 

Come risolvere questo problema? Disattivando per un periodo le notifiche, così da terminare più in fretta il lavoro e avere più tempo per noi. 

#3 Prova con la meditazione 

Ti svegli sempre agitato? Prova a meditare al mattino. Questa routine ti farà assaporare il relax e non vorrai più fare a meno di questa sensazione per tutta la giornata. 

Devi sapere che bastano pochi minuti al giorno per avere dei risultati sorprendenti. 

#4 Dormi le ore giuste

Come abbiamo detto anche in precedenza, moltissimi lavoratori autonomi lavorano anche di notte, facendo orari folli e dormendo meno del dovuto. 

Ebbene, il lavoro è importante, ma la salute lo è ancora di più. 

Proprio per questo dobbiamo tenere in considerazione che, secondo l’American Psychological Association, gli adulti che dormono meno di 8 ore a notte sono più inclini a soffrire di stress.  

#5 Trova il giusto consulente fiscale

Ultimo consiglio per gestire al meglio ansia e stress? Trovare un consulente fiscale che ti ispiri fiducia. 

In questo modo, sarà lui ad occuparsi di tutte le pratiche burocratiche intorno alla tua Partita IVA, come la scelta del regime fiscale (forfettario o ordinario), la scelta dell’ATECO o la gestione vera e propria della Partita IVA. Così tu potrai concentrati interamente sul tuo lavoro da freelance. 

Fiscozen si occupa proprio di questo! In più, con loro puoi ricevere una consulenza gratuita e senza impegno.

Seguici sui nostri canali