Venezia

Venezia: 10 milioni destinati a bandi per il restauro di immobili privati

Presentata la delibera di variazione di bilancio 2020-2022.

Venezia: 10 milioni destinati a bandi per il restauro di immobili privati
Venezia, 27 Febbraio 2020 ore 10:43

Venezia: 10 milioni destinati a bandi per il restauro di immobili privati.

Delibera di bilancio: fari puntati sui bandi per restauri privati

Illustrata nella mattinata di mercoledì 26 febbraio a Ca’ Farsetti, dall’assessore al Bilancio, la delibera di variazione all’esercizio finanziario di previsione del Comune di Venezia per il 2020-2022. La misura prevede un impegno di spesa complessivo di quasi 30 milioni di euro, per far fronte a diversi interventi che interesseranno tutto il territorio comunale. Di questi, circa 20 milioni per opere pubbliche e investimenti e viene iscritto uno stanziamento di dieci milioni di euro a favore di bandi rivolti a privati per il restauro degli immobili.

Tornano i contributi per le ristrutturazioni residenziali

“Si tratta – spiega l’assessore – della riattivazione, dopo 10 anni, dei contributi derivanti dalla ‘legge speciale’ destinati alle ristrutturazioni di case per residenti, escludendo in ogni modo l’uso a scopi turistici, per accedere ai quali si dovrà rispondere a determinati criteri e attenersi a convenzioni restrittive. Un proveddimento importante che, oltre a puntare alla riqualificazione del patrimonio immobiliare veneziano, può dare input all’economia e all’occupazione territoriale, impiegando aziende locali nei possibili lavori alle strutture”.

Tra gli altri interventi evidenziati, quelli più corposi riguardano la previsione di spesa di 2,3 milioni di euro in cofinanziamento con Save destinati al nuovo percorso ciclopedonale che collega Tessera a Ca’ Noghera e il milione e 160mila euro in cofinanziamento con i Musei Civici previsto per la riqualificazione del Centro Candiani. ​Da segnalare la destinazione di un milione e 200mila per un piano di illuminazione dei passaggi pedonali per migliorare la sicurezza degli stessi nelle ore notturne. Oltre mezzo milione di euro andrà alla realizzazione della viabilità d’accesso alla “macroisola prima zona industriale” di Porto Marghera, mentre a Mestre è prevista l’installazione, in corso del Popolo, di nuove isole ecologiche interrate, per un investimento di 200mila euro. Stesso stanziamento per la realizzazione, sempre a Mestre, di un parcheggio pubblico intermodale lungo via Forte Marghera.

Interventi diffusi su tutto il territorio comunale

Altre misure diffuse sul territorio riguarderanno la messa a norma sulla certificazione impiantistica e incendi nelle scuole, interventi su strutture sportive, parchi pubblici e aree cimiteriali. Implementato di altri 130mila euro, inoltre, il fondo destinato al bando per le associazioni, finanziato con l’autoriduzione delle indennità dei componenti della giunta e della presidenza del Consiglio comunale.  Con tale quota si arriva a un valore totale di 446mila euro alimentato, per una quota di 375mila euro, dalla rinuncia del sindaco alla relativa indennità.

“Gli stanziamenti previsiti da questa ultima variazione di bilancio derivano – aggiunge l’assessore – da risorse già pronte per far partire le opere che riguarderanno il centro storico, le isole e la terraferma. La delibera passerà ora al vaglio delle commissioni consiliari e verrà presumibilmente discussa e approvata in Consiglio entro fine marzo”.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: