La parola al sindaco

Luigi Brugnaro: nuovo intervento del sindaco di Venezia

Nuovo comunicato stampa del primo cittadino di Venezia con gli aggiornamenti sulla città metropolitana.

Venezia, 24 Marzo 2020 ore 16:02

Diversi gli argomenti toccati durante la conferenza stampa di oggi, 24 marzo: si passa dai danni al settore turismo agli stretti controlli sulla cittadinanza.

Il turismo

Il primo cittadino Luigi Brugnaro apre il suo discorso con un’attenzione particolare agli operatori del settore turistico e culturale.  Molti, infatti, sono lavoratori con partita iva e in una città come Venezia diventa necessario creare dei provvedimenti mirati:

Va pensato adesso come uscire dal tunnel: tra qualche settimana sarà tutto passato

 

Le mascherine

Arriva la risposta sulla questione legata alla distribuzione delle mascherine. Quelle fornite dalla Regione, circa 800.000, verranno consegnate a rate. Le forniture arrivano dal centro di Padova e poi vengono smistate nei 7 mandamenti della Città Metropolitana: da lì saranno i sindaci a ritirarle e distribuirle. Si ringrazia ovviamente Grafica Veneta.
Sabato è arrivata la prima fornitura: 19.000 mascherine sono state distribuite tra Corso del Popolo, Marghera centro, Viale San Marco e altre zone particolarmente trafficate: qui, 70 volontari hanno distribuito le mascherine negli esercizi aperti e saranno i negozianti a distribuirle a loro volta, per un massimo di due pezzi per persona. Stessa modalità anche per le 10.550 mascherine distribuite a Burano, Dorsoduro, Giudecca, Mazzorbo, Sant’Erasmo e Santa Croce.
Le Famacie Ames e private seguiranno stessa logica. Altre 2800 mascherine sono state consegnate anche alle edicole che si occuperanno di distribuire le mascherine ai clienti.
Da parte del Comune, si darà precedenza ad operatori che forniscono servizi essenziali per la società, come trasportatori, autisti dei mezzi pubblici e addetti alla vendita presso il mercato ittico e ortofrutticolo.

Come cambia il sito del comune

Su sito del Comune è stata aggiornata la sezione Dime con un elenco di attività che effettuano consegna a domicilio di prodotti alimentari e cibo pronto: non solo supermercati, ma anche ortofrutta, enoteche, macellerie e pescherie. Sempre nell’area dedicata Dime sono disponibili i contatti telefonici degli addetti degli uffici comunali che possono continuare a lavorare sulle pratiche già avviate.

Il capitolo Acqua alta

Non manca l’attenzione anche per i cittadini che sono stati colpiti dall’Acqua Alta dello scorso novembre. Il sindaco afferma che non sono ancora arrivati i soldi in tesoreria ma qualche ritardo, considerata la situazione attuale, è accettabile. Il Consiglio Comunale è in attesa di un  accredito sul conto corrente del commissario e ci sono già 100 pratiche di privati e aziende con iter concluso che riceveranno il rimborso. 

La collaborazione con la Polizia locale

Sono state controllate in totale 956 persone a cui sono stati chiesti documenti e certificazione: ben 59 i denunciati che non avevano diritto di trovarsi fuori casa. Anche 350 negozi sono stati controllati e 5 denunciati per aver violato il decreto.

L’iniziativa per i bambini

“Disegna o racconta il tuo sport preferito”: i partecipanti potranno inviare i propri lavori all’indirizzo: andratuttobene@comune.venezia.it: disegni, filastrocche e racconti dei più piccoli verranno condivisi sui canali social del Comune di Venezia, ovvero Instagram, Facebook e Twitter.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità