Emergenza Covid-19

Il sindaco di Venezia sulla crisi reclama: “Lo Stato deve ascoltarci”

Il primo cittadino ha lanciato l'appello all'incontro promosso dalla Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia.

Il sindaco di Venezia sulla crisi reclama: “Lo Stato deve ascoltarci”
Venezia, 03 Novembre 2020 ore 11:26

No alla violenza contro le misure governative, ma un sì convinto alla protesta garbata. Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha le idee molto chiare.

Crisi economica e futuro del territorio

E’ forte e chiaro il messaggio che Luigi Brugnaro, in qualità di primo cittadino di Venezia, ma anche di sindaco della Città metropolitana, ha lanciato ieri pomeriggio, chiudendo i lavori dell’incontro promosso dalla Confcommercio Unione Metropolitana di Venezia sulle problematiche e le prospettive dell’economia locale, alle prese con la difficile situazione creatasi con la pandemia.

“Oggi ci si gioca il futuro di questo Paese: noi, come lo siamo da 8 mesi, ovvero da quando tutto questo è cominciato, siamo sempre disponibili a collaborare, per superare questa crisi, ma da Roma, il governo, deve starci ad ascoltare”.

Presenti numerosi altri sindaci dei Comuni della Città Metropolitana, oltre ai massimi rappresentanti delle varie associazioni economiche provinciali di categoria: il presidente della Confcommercio, Massimo Zanon, il presidente dell’Associazione Industriali, Vincenzo Marinese; il presidente della Coldiretti, Andrea Colla; il presidente della Confesercenti, Cristina Giussani; il presidente della Confartigianato, Siro Martin; il vicepresidente della CNA, Massimo Doglioni.

Unità di intenti e condivisione di obiettivi

Presenti all’incontro anche i rappresentanti dei sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs, che hanno sottolineato come, in un momento così delicato, serva una unità di intenti e condivisione di obiettivi tra forze sindacali, produttive e politiche.

“Diciamo un forte ‘no’ – ha continuato Brugnaro – a manifestazioni di violenza o di non totale rispetto nei confronti dei provvedimenti presi dal Governo, e un ‘sì’ convinto alla protesta garbata, al dissenso, e soprattutto, alle controproposte. Servono provvedimenti efficaci, a cominciare da quelli sanitari: a tutt’oggi, ad esempio, non esistono norme chiare su come debba essere curata una persona in quarantena, che ha contratto il virus al momento in forma lieve. Per non parlare di quelle in ambito finanziario, come uno stop alle tasse o lo stanziamento di finanziamenti certi e veloci per le imprese. E basta anche col ‘partito del no’, che in questi anni ha allontanato tanti possibili investitori dalla laguna”.

“Prendo atto – ha concluso Brugnaro – di questa ‘apertura’ e richiesta di collaborazione, anche se poteva forse essere data già da tempo, e che essa ora venga suffragata da fatti e atti concreti. Occorre in ogni caso, in questo periodo, tanto coraggio e ottimismo. Per curarci ci sono medicine, ospedali, medici di base: dobbiamo rispettare tutte le precauzioni necessarie per evitare il diffondersi dell’epidemia, ma nel contempo non seppellirci in casa aspettando semplicemente che tutto questo finisca.”

7 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE: Operatori portuali, Brugnaro alla manifestazione: “Organizzeremo una riunione in Comune con tutto il mondo del lavoro veneziano”

 

 

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità