La parola al presidente

Covid: passate le sperimentazioni. La regione ha il protocollo.

"Noi vogliamo che tutti coloro che possono salvarsi dal Coronavirus si possano salvare": la preoccupazione di Zaia per le case di riposo e i pazienti più deboli.

Venezia, 28 Marzo 2020 ore 12:43

Gli aggiornamenti della conferenza stampa di oggi, 28 marzo 2020, riguardano due questioni calde: la gestione delle case di riposo e l’inizio delle terapie domiciliari per gli infetti Covid-19.

Grande preoccupazione per gli anziani

Anche in questo caso, diventa fondamentale agire in tempo ed effettuare tamponi, sia sugli ospiti che sul personale. Il team della regione sta cercando di capire quali competenze si possono avere sulle case di riposo che sono a tutti gli effetti strutture terze, in quanto si tratta di centri pubblici (perché gestiti dai comuni) o privati. Il presidente sottolinea come sia lui che gli assessori siano a fianco delle case di riposo in un momento non facile.

Un appello ai Veneti

L’obbligo di chiusura dei supermercati la domenica e la norma che impone di restare a casa hanno portato ad un ritardo di 4 giorni sul calcolo matematico: questa è la prova che la vera cura per il Covid è il rispetto dei decreti da parte del singolo cittadino.
La logica del contagio è distante dal nostro modo di pensare ma ognuno che si avvicina a noi può essere colui che ci manda in terapia intensiva.
Occorre quindi seguire i soliti consigli. Far arieggiare la casa, disinfettare le superfici e lavarsi spesso le mani: sono queste le uniche prescrizioni valide per limitare la diffusione del virus.
L’ordinanza emanata dal presidente Zaia rimane valida fino a 3 aprile ma l’idea è quella di rinnovarla.

La terapia sperimentale in casa

Per le terapie a domicilio, si parla di forma di gestione di un paziente asintomatico (magari con febbre ma in grado di muoversi autonomamente): per questi, si sta preparando un protocollo che sarà pronto tra stasera e domattina. Fondamentale sarà la collaborazione con medici di base per la creazione di una task force efficiente.

La prossima settimana sarà una delle peggiori: “turbolenze in volo” per cui attendiamo nuovi aggiornamenti.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità