Paura per il domani

Brugnaro: “non voglio fare la Cassandra” ma ci aspettano mesi duri

Nell'urgenza di fare provvedimenti per le aziende, il primo cittadino chiede che ci siano provvedimenti seri anche per la filiera turistica.

Venezia, 06 Aprile 2020 ore 17:59

Il sindaco vuole dare un suggerimento da imprenditore che parla ad altri imprenditori: è il momento di “duri i banchi!” ma dovremo imparare a convivere con delle norme sanitarie particolari.

Uno stato di emergenza

Dopo aver ricordato lo stato di emergenza in cui si trova la città metropolitana (che vive di turismo e che si trova privata della sua maggiore fonte di entrata), il sindaco invita i cittadini a resistere con la nota esclamazione “duri i banchi!”. Non si vuole essere portatori di cattive notizie (come la Cassandra dei poemi omerici) ma bisogna fare i conti con la realtà.

I mercati all’aperto

Tra venerdì sera (quando è stata emessa la nuova ordinanza) e sabato mattina ci si è organizzati in modo da non fermare il lavoro degli operatori dei mercati. Gli spazi sono stati recintati e ci si è attrezzati per dare guanti e mascherine sia agli esercenti che ai clienti, oltre a sorvegliare gli spazi con le forze dell’ordine e creare punti di entrata e uscita, come previsto dalla normativa.
Ad eccezione del mercato di Sacca Fisola, dove gli operatori hanno ritenuto antieconomico adeguarsi alle normative imposte, gli altri mercati stanno continuando la loro attività. Si continuerà a presidiare fino a Pasquetta o comunque fino a quando sarà necessario.

I buoni spesa

Da oggi è partita la possibilità di fare richiesta per i buoni spesa, fino a martedì 14 aprile 2020 alle ore 12.00. La raccomandazione è quella di compilare con attenzione le diverse parti, così da velocizzare i tempi di verifica e procedere con l’erogazione dei buoni. Per i negozianti, è possibile accreditarsi sul sito Dime nella sezione dedicata: i commercianti accreditati potranno ricevere i buoni spesa dai cittadini e poi ricevere il corrispettivo in denaro direttamente dal comune.

La cultura per i bambini

L’assessore Venturini interviene per raccontare le diverse attività pensate per i bambini e la famiglia. “Danza In Famiglia Con Isa”, ad esempio, ogni giovedì, alle 17 e alle 18, per bambini dai 7 ai 10 anni, ma anche l’iniziativa organizzata con il Centro Culturale Candiani, “Candidart” propone dei laboratori artistici sullo stile di “Art Attack” ed è rivolto ai bambini dai 5 ai 7 anni. Per i musicisti in erba, arriva il laboratorio “How To/Open Room”, una stanza virtuale aperta a tutti in cui i giovani possono confrontarsi tra loro e scambiarsi materiale musicale.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità