Trionfo

La Reyer trionfa in Coppa Italia

Battuta la HappyCasa Brindisi in un match condotto dall'inizio alla fine.

La Reyer trionfa in Coppa Italia
Venezia, 17 Febbraio 2020 ore 09:54

La Reyer Venezia sfata il tabù e trionfa in Coppa Italia.

Venezia sfata il tabù e vince la coppa Italia

Dopo due scudetti e una FIBA Europe Cup, l’Umana Reyer porta a casa il quarto trofeo in quattro anni: la prima Coppa Italia della sua storia, conquistata battendo a Pesaro l’Happy Casa Brindisi 67-73 .

5 foto Sfoglia la gallery

La cronaca del match

Entrambe le squadre confermano roster e quintetti. La tensione della finale si percepisce chiaramente: il primo canestro è una magia di Tonut al 3′. con pronta risposta di Brown, ma le triple di Mazzola, De Nicolao e Tonut scavano il 2-11 al 4′, con time out brindisino. Ma l’inerzia non cambia e Watt prima schiaccia e poi chiude con De Nicolao il pick and roll del 2-15 al 6’30”. Banks chiude dalla lunetta il parziale orogranata poi due canestri di Zanelli riavvicinano Brindisi sull’8-15, anche se il primo quarto si chiude sulla tripla di Tonut per l’8-18.

Si riparte da un’altra tripla, di Bramos (8-21), poi Daye spende il secondo fallo, concedendo tre liberi a Zanelli (2/3 e 10-21 all’11’). Anche Sutton commette due falli e protesta, con il tecnico che Bramos tramuta dalla lunetta nel 10-22 all’11’30”. Coach De Raffaele chiama time out al 13′ dopo il secondo fallo di Cerella, con la difesa dell’Umana Reyer che continua e mettere in campo grande intensità, sopperendo a qualche difficoltà offensiva, finché Watt doppia Brindisi (12-24) a metà quarto. Con le due squadre in bonus, Brindisi si affida alla lunetta (Banks 2/2, Brown 1/2), ma a entrambi risponde Chappell riallungando al massimo margine (15-28 al 15’30”). L’Happy Casa continua a guadagnare liberi (1/2 di Gaspardo e 2/2 di Banks sul terzo fallo di Chappell al 16′), poi Banks si sblocca anche al tiro, con la tripla del 21-28, su cui la panchina veneziana chiama time out al 17′. Watt completa un gioco da tre punti per il nuovo vantaggio in doppia cifra (21-31), ma Brindisi è a -5 (26-31) al 18′. Mazzola ridà ossigeno da 3 (26-34 al 19′), ma si va all’intervallo sul 30-34 sugli ennesimi liberi di Banks (8 falli subiti!).

Il secondo tempo inizia con un 2/2 dalla lunetta di Watt (30-36), ma Brindisi si avvicina a un solo possesso (33-36) con la tripla di Martin al 21′. La difesa orogranata continua a lavorare ottimamente, così Bramos, Daye (tripla) e Watt riallungano a +10 (33-43), con time out Brindisi al 23′. Sutton dà una scossa all’Happy Casa (37-43 al 24′), che torna anche a -5, dopo il canestro di Bramos e un libero di Daye (37-46 al 25’30”), con la tripla di Thompson e un 1/3 dalla lunetta di Campogrande (41-46 al 28′), su cui la panchina orogranata chiama time out. Al ritorno in campo, segna Bramos e, sulla difesa a zona 2-3 dell’Umana Reyer, Sutton porta a casa il fallo mettendo il libero del 42-48 al 28’30”. Nel finale segna Watt (che però spende anche il terzo fallo) e Zanelli chiude il quarto col libero del 43-50.

Brindisi inaugura l’ultimo periodo con la tripla di Gaspardo, risponde Daye (2/2 dalla lunetta), poi si accende Campogrande (canestro e potenziale gioco da quattro punti non chiuso) per il 51-55 al 32’30”. Watt e Daye (da 3) ricacciano indietro la squadra di Vitucci, costretto al time out a metà periodo sul 51-60. Ma l’inerzia non si interrompe: Tonut segna una tripla allo scadere dei 24” e poi mette i liberi del massimo vantaggio: 51-65 al 35’30”. Banks interrompe la sterilità offensiva di Brindisi con una tripla (54-65 al 36′) e subito coach De Raffaele chiama time out. La difesa orogranata non concede nulla, ma Banks non si arrende e firma da solo il 59-65 al 37’30”. Il controparziale brindisino arriva a 10-0 sull’antisportivo di Stone che l’Umana Reyer paga solo con il canestro di Martin dopo lo 0/2 dalla lunetta di Sutton (61-65 a -1’41”). Un recupero di Chappell con l’aiuto della freccia è fondamentale per la seguente tripla di Daye del 61-68 a -53”. Si torna in campo dopo il time out di Brindisi, che va in lunetta con tre tiri di Banks per il quarto fallo di Stone a -37” (64-68). Sutton esce per 5 falli e De Nicolao fa 2/2 a -25” (64-70). Brindisi non segna da 3 e, anzi, l’Umana Reyer recupera palla con la schiacciata di Bramos in contropiede a -9” che è il punto esclamativo sul 64-72. Perché c’è solo il tempo di scrivere il punteggio finale con la tripla di Banks e il libero di Daye: l’Umana Reyer vince la sua prima Coppa Italia battendo l’Happy Casa Brindisi 67-73.

La dedica del presidente Brugnaro

Luigi Brugnaro, patron della Reyer e sindaco di Venezia, ha voluto dedicare alla città la Coppa Italia conquistata a Pesaro.
Queste coppa è “Dedicata alla città, ai veneziani, per tutto quello che hanno passato quest’anno”.

Top news
Turismo 2020
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità