Economia
Le foto

“CREHACKTIVITY”, tra le vincitrici dell'Hackathon del Veneto Orientale due aziende associate a Confapi Venezia

Le “sfide” di Ital Decor Srl e Tergas srl sul podio dell’Hackathon degli studenti del Veneto Orientale sui temi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite

“CREHACKTIVITY”, tra le vincitrici dell'Hackathon del Veneto Orientale due aziende associate a Confapi Venezia
Economia Venezia, 01 Dicembre 2021 ore 11:26

Si è conclusa lo scorso 22 novembre, presso il teatro metropolitano Astra della città di San Donà di Piave, Crehacktivity 2021, il progetto Hackathon promosso da UniSmart – Università di Padova e i Comuni del Veneto orientale, con la Città di San Donà quale capofila.

“CREHACKTIVITY”, tra le vincitrici dell'Hackathon del Veneto Orientale due aziende associate a Confapi Venezia

Tra i primi tre gruppi di lavoro premiati, due progettualità riguardano aziende associate a Confapi Venezia: Ital Decor Srl di Pramaggiore e Tergas srl di Noventa di Piave.

Hanno partecipato pure altre tre aziende iscritte all’Associazione delle PMI veneziane, la Arreghini Serramenti di Portogruaro, la MM ONE Group - Visionary Digital Agency di Noventa di Piave e La Maggiò Costruzioni Srl di Musile di Piave.

Dopo due settimane di lavoro sulle “sfide” proposte da enti e aziende del Veneto Orientale, i partecipanti e le partecipanti di Crehacktivity hanno quindi presentato alla giuria i propri progetti elaborati. Studentesse e studenti minori di 30 anni, quali universitari di ogni corso e ateneo (ingegneri, geologi, chimici, economisti, sociologi, umanisti, ecc.) e diplomandi delle classi quinte delle scuole superiori dei territori del Veneto orientale, hanno così trattato da vicino i temi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, ovvero la sostenibilità, l’inclusione sociale e la digitalizzazione.

Quest’anno il progetto è stato realizzato in presenza tra i giovani studenti del territorio, entusiasti di aver contribuito, con le proprie competenze, inventiva e passione, a proporre idee e soluzioni alle sfide lanciate dalle 9 tra aziende ed enti che hanno partecipato, entrando in contatto con gli esperti del settore.

La sfida Italdecor, risultata vincitrice al primo posto, ha avuto come obbiettivo la promozione, la conoscibilità e la tracciabilità della sostenibilità ambientale cara all’azienda, attraverso la verniciatura di antine per mobili con vernici ecosostenibili e sicure. Il Gruppo di lavoro ha proposto dei QR code che diano la possibilità al consumatore di riconoscere i prodotti sostenibili dal punto di vista ambientale, di cosa l’azienda può fare per il cliente, i dipendenti e il territorio nell’ambito della sostenibilità e per poter organizzare il rinnovo del colore per superfici e manufatti, quali mobili, cucine, pareti, ecc.

La sfida Tergas Srl, Società che si occupa della vendita e distribuzione di Gas Alimentari, Medicali, Industriali, Antincendio e per la Refrigerazione, ha riguardato Sodagas, il proprio marchio registrato di proprietà e in particolare l’articolo “Bollicino”, un gasatore per acqua domestico che serve a trasformare la preziosa materia prima in acqua frizzante, composta da una bombola di CO2 compatibile con tutti i gasatori in commercio.

Si è lavorato sullo studio di una proposta commerciale/promozionale multicanale (web, tv, carta stampata) al fine di incentivare e promuovere il prodotto, ponendo l’accento sul tema della sostenibilità, ma anche della Fedeltà e del Made in Italy.

Bollicino, infatti, consente di eliminare completamente l’uso e quindi la produzione delle bottiglie di plastica monouso, tra gli oggetti più inquinanti dispersi in ambiente; il prodotto ha un impatto ambientale pressoché nullo perché consente di eliminare tutte le emissioni di CO2 connesse alla distribuzione logistica dell’acqua minerale in bottiglia. Infine, comporta una notevole riduzione nella produzione di rifiuti dal momento che il consumatore non usa più bottiglie di plastica monouso. Gli studenti impegnati nella sfida hanno proposto un modello di abbonamento alla ricarica che consenta di offrire il gasatore come omaggio.

Soddisfazione per il risultato raggiunto è stata manifestata dagli Amministratori delegati delle rispettive aziende.

Per Marco Zecchinel di Tergas:

“I ragazzi che hanno raccolto la nostra sfida si sono rivelati estremamente preparati e hanno elaborato un modello di business che sarà oggetto della nostra valutazione nei prossimi mesi. Ancora una volta si è dimostrata la grande capacità dei nostri giovani di trovare soluzioni alternative ed innovative. Troppo spesso il nostro Paese non offre le giuste opportunità ai ragazzi e si priva quindi del loro talento e inventiva. Ringraziamo quindi Unismart e le amministrazioni locali che hanno sostenuto l’iniziativa”.

Per Andrea Radin, referente di Italdecor:

“I ragazzi del team hanno affrontato la sfida con impegno e mettendo a fattor comune le diverse competenze. È stata la dimostrazione che i giovani hanno la ‘Sostenibilità nel sangue’ e proposto delle idee concrete, che saranno utili per il futuro dell’azienda”.

3 foto Sfoglia la gallery