Economia
Noventa di Piave

Apindustria Servizi forma e inserisce tre nuovi saldo-carpentieri nell'azienda Tecnostrutture

La mancanza di nuovi e qualificati addetti alla lavorazione dei metalli nella saldatura e carpenteria è molto sentita dalle aziende del veneziano

Apindustria Servizi forma e inserisce tre nuovi saldo-carpentieri nell'azienda Tecnostrutture
Economia Venezia, 09 Dicembre 2021 ore 09:22

Confapi Venezia e Apindustria Servizi, al fine di sostenere Tecnostrutture di Noventa di Piave e l’occupazione, con un percorso finanziato di formazione e tirocinio ha convertito con assunzione tre inoccupati/disoccupati over 30 del territorio.

Apindustria Servizi forma e inserisce tre nuovi saldo-carpentieri nell'azienda Tecnostrutture

Molte aziende del veneziano che si occupano della lavorazione di metalli, in tutte le sue varianti e sfaccettature, stanno riscontrando una forte mancanza di personale qualificato da impiegare, presso le proprie realtà produttive, nel ruolo di operaio specializzato. Si stima, infatti, manchi in media dal 30 al 40% della forza lavoro necessaria ad una ideale piena produttività.

Tra queste realtà produttive vi è Tecnostrutture Srl, azienda di Noventa di Piave specializzata nel settore dei prefabbricati a struttura mista acciaio-calcestruzzo. L’azienda, a seguito di alcuni importanti investimenti produttivi, ha da tempo necessità di ampliare il proprio organico con personale qualificato e professionale.

A supporto di questa impellente necessità, Apindustria Servizi, organismo di formazione di Confapi Venezia, accreditato presso la Regione del Veneto per la Formazione e i Servizi al Lavoro, grazie all’esperienza maturata nell’ambito della formazione finanziata, ha promosso in questi mesi un percorso formativo dal titolo “Addetto alla saldo-carpenteria”.

L’attività è stata finanziata dal Fondo Sociale Europeo e si è sviluppata, a partire dallo scorso giugno, coinvolgendo 3 candidati inoccupati/disoccupati con più di 30 anni di età. Ha visto una prima fase di formazione in aula e laboratorio di 200 ore tra luglio e agosto, presso la Tergas di Noventa di Piave, 4 mesi di tirocinio tra settembre e dicembre presso l’azienda sandonatese, con orientamento e accompagnamento iniziale.

Il percorso ha portato ad acquisire nuove competenze professionalizzanti, ora spendibili all’interno dell’azienda; si è svolta formazione teorica e pratica in materia di disegno tecnico, lavori di carpenteria (taglio, deformazione e foratura del metallo) e processi di saldatura a filo e a elettrodo, dando un’occasione di crescita professionale a dei ragazzi del territorio, aprendo loro questa nuova opportunità lavorativa, reinserendosi così nel mercato del lavoro.

A loro favore è stata pure rilasciata un’indennità di partecipazione al tirocinio di 450 euro lordi al mese. La partecipazione al corso, inoltre, ha coperto tutte le spese d'iscrizione e formazione in laboratorio e azienda.

Il Presidente di Confapi Venezia, Marco Zecchinel, commenta così la positiva esperienza:

“Le aziende del settore manifatturiero ci manifestano continuamente la necessità reperire personale addetto alla produzione, in particolare denunciando una forte difficoltà nel reperire giovani che abbiano la volontà di intraprendere la professione del saldatore e carpentiere.

Come Associazione datoriale non possiamo che cogliere questo allarme e tradurlo progressivamente in opportunità a favore del territorio, mettendo in campo tutti quegli strumenti che consentano agli imprenditori di ottenere ciò che cercano, avvalendosi di fondi certi e immediati. Auguriamo ai neoassunti buon lavoro, auspicando che la loro esperienza sia da stimolo ad altri disoccupati che desiderino mettersi in gioco con successo, partecipando ai nostri percorsi formativi”.

Il Titolare della Tecnostrutture Srl, Franco Daniele, ha dichiarato:

“Ritengo che questo sia il giusto modo per affrontare il problema degli inoccupati/disoccupati over 30 con benefici per tutti i soggetti coinvolti: il lavoratore viene formato e reinserito, Apindustria Servizi eroga il servizio formativo finanziato dal Fondo Sociale Europeo e l’Azienda ottiene così risorse professionalizzate.

Questa è una reale dimostrazione che un’azione con responsabilità sociale. Anche questo è concretamente operare in ambito ESG per cui la ‘S’ di Sociale viene declinata in una reale azione con la quale un’azienda contribuisce la crescita economica del nostro territorio e migliora la nostra società”.