Fino al 5 settembre

“Monsters of Rock”: alla polveriera francese di Forte Marghera la mostra fotografica in memoria di Alex Ruffini

7.200 scatti e 130 cover del fotografo che ha immortalato le icone rock più famose

“Monsters of Rock”: alla polveriera francese di Forte Marghera la mostra fotografica in memoria di Alex Ruffini
Marghera, 03 Agosto 2020 ore 10:39

Un viaggio tra epoche e generi diversi immortalati dallo stesso sguardo d’artista: Alex Ruffini, il fotografo delle rock star mancato lo scorso 18 giugno 2019 per un tumore al pancreas. Sabato 1 agosto 2020 alla polveriera francese di Forte Marghera è stata inaugurata la mostra “Monsters of Rock”: 7.200 scatti e 130 cover di Ruffini, che nella sua vita ha viaggiato in tutto il mondo immortalando cantanti e band, in primis i suoi amati Kiss.

L’evento

Presente al taglio del nastro Martino Ruffini, presidente dell’associazione “Cancer Drugs & Rock and Roll”, fondata dal fratello Alex nel 2018 e promotrice dell’iniziativa. Si riannoda così il filo che già aveva visto protagonista Alex Ruffini in un’esposizione, sempre alla polveriera francese, tra dicembre 2018 e gennaio 2019 per raccogliere fondi per la ricerca contro il tumore al pancreas.

La premiazione del video contest

In occasione dell’inaugurazione si è svolta inoltre la cerimonia di premiazione del video contest promosso dall’associazione “Cancer Drugs & Rock and Roll”, cui hanno partecipato 35 giovani esibendosi in brani musicali di 90 secondi. A primeggiare è stata Amina Sofia El-Maghraby, in seconda posizione si è piazzata Nancy Pedon e in terza Elia Pistolato: “Un’occasione preziosa – hanno spiegato i referenti dell’associazione – per continuare a dar voce al grande sogno di Alex, condividere la sua arte per far del bene ad altri che si trovano nella sua stessa condizione”. L’esposizione sarà visitabile fino al 5 settembre da martedì a domenica dalle 16 alle 19. Le donazioni saranno devolute ad Avapo Venezia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità