Cultura
Artista di Kharkiv

Installata alla Biennale di Venezia la fontana ucraina di Pavlo Makov

La "Fontana dell'esaurimento" è una piramide di 78 imbuti di bronzo disposti su 12 livelli attraverso i quali scorre dell'acqua: "Rappresenta l’esaurimento dell’umanità e delle democrazie".

Installata alla Biennale di Venezia la fontana ucraina di Pavlo Makov
Cultura Venezia, 21 Aprile 2022 ore 18:06

Anche la 59esima edizione della Biennale di Venezia, la kermesse artistica più importante d'Italia, si esprime contro la guerra tra Russia ed Ucraina accogliendo tra tutti i suoi padiglioni quello dedicato allo stato ucraino. Al centro dell’attenzione anche in questi giorni di pre-apertura è finita l'opera di Pavlo Makov, artista di Kharkiv, che ha realizzato la “Fontana dell’esaurimento”, una piramide di 78 imbuti di bronzo disposti su 12 livelli attraverso i quali scorre dell'acqua.

"L'acqua che scorre attraverso gli imbuti con difficoltà sempre maggiore - afferma Makov - rappresenta l’esaurimento dell’umanità, delle democrazie e della voglia di proteggerci a vicenda".

Installata alla Biennale di Venezia la fontana ucraina di Pavlo Makov

IL POST:

Complice quanto sta accadendo attualmente nello stato ucraino, al centro dell'attenzione della 59esima edizione della Biennale di Venezia, la kermesse artistica più importante d'Italia, è finita l'installazione dell'artista Pavlo Makov, originario di Kharkiv, opera che dominerà tra tutte nel padiglione dedicato all'Ucraina, chiamato per l'occasione Piazza Ucraina.

Il padiglione ucraino è stato allestito allo spazio Esedra dei giardini della Biennale ed è stato realizzato con la collaborazione dell’Ukrainian Emergency Art Fund e della Victor Pinchuk Foundation, su progetto dall’architetta ucraina Dana Kosmina. Costruita attorno a un monumento ricoperto di sacchi di sabbia, come se fosse una zona di guerra, Piazza Ucraina vuole essere un punto di incontro per tutti gli artisti che oggi vivono sotto i bombardamenti.

LEGGI ANCHE: Assalto alle città d'arte: 125mila presenze a Venezia a Pasqua, controesodo da bollino rosso

Al suo interno, come detto, si trova infatti la “Fontana dell’esaurimento”, una piramide di 78 imbuti di bronzo disposti su 12 livelli attraverso i quali scorre dell'acqua. Ogni imbuto si divide in due, portando l'acqua a ogni livello. Quando arriva al terzo livello il flusso si assottiglia fino a diventare un rivolo e, al sesto livello, un gocciolamento. Al livello 12 filtra a malapena attraverso gli ultimi imbuti.

L'opera di Makov è nata nel 1995 quando, a causa di gravi inondazioni, la città di Kharkiv rimase senza acqua per diverse settimane. Oggi, tuttavia, l’installazione è diventata qualcos’altro: l’acqua che scorre attraverso gli imbuti con difficoltà sempre maggiore, come affermato dall'artista stesso, rappresenta “l’esaurimento dell’umanità, delle democrazie e della voglia di proteggerci a vicenda”.

La difficoltà a giungere in Italia

Come narrato al Guardian da Maria Lanko, curatrice della mostra ucraina alla Biennale, il viaggio dall'Ucraina all'Italia è stato parecchio difficoltoso. Makov, in fuga dalla sua terra con la famiglia e la madre anziana al seguito, ha dovuto attraversare le autostrade ucraine bombardate, per poi arrivare in Italia dopo sei giorni di viaggio.

LEGGI ANCHE: Venezia a "numero chiuso": da questa estate obbligo di prenotazione per visitare la Serenissima

La stessa Maria Lanko ha dovuto nascondere alcuni degli imbuti della Fontana negli stivali durante il suo viaggio. Una volta giunti a Milano poi, hanno trovato un artigiano che poteva ricreare le parti dell'opera che non avevano potuto portare con sé.

"È importante essere qui come artista - ha affermato Makov -. Dobbiamo fare il meglio per rappresentare la cultura, la dignità e la storia dell'Ucraina".

Makov ha ringraziato la Biennale e l'Italia per l'aiuto e la solidarietà, aggiungendo però che non tutta l'Europa ha capito che anche “l'arte, la musica, sono stati strumenti di potere per la Russia”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter