Bevilacqua La Masa

“Dal Silenzio alla Parola” di Lorenzo Marini: inaugurata oggi la mostra presso la Fondazione Bevilacqua la Masa

Tra le opere anche "Alphacube", un’esplosione di lettere colorate racchiuse all’interno di un cubo in cui scattare selfie ricordo.

“Dal Silenzio alla Parola” di Lorenzo Marini: inaugurata oggi la mostra presso la Fondazione Bevilacqua la Masa
Venezia, 24 Giugno 2020 ore 16:06

Si è svolta nella mattinata di oggi, 24 giugno 2020, l’inaugurazione della mostra “Dal Silenzio alla Parola”, ospitata negli spazi della Fondazione Bevilacqua La Masa, in piazza San Marco. Le opere di Lorenzo Marini sono dedicate a Venezia e al delicato periodo che sta affrontando. Presenti, oltre all’artista, anche la presidente del Consiglio comunale, Ermelinda Damiano, insieme a Roberto Zamberlan, consigliere di amministrazione della Fondazione.

Si riparte dalla bellezza

Le opere saranno in mostra fino al 30 agosto 2020 e, come sempre, l’ingresso è gratuito. Così commenta la presidente Damiano: 

“Ringrazio la Fondazione per aver ospitato questa mostra ma soprattutto Lorenzo Marini, a cui porto i saluti del sindaco Luigi Brugnaro e di tutta l’Amministrazione. Dopo mesi di chiusura forzata diamo avvio a una nuova stagione dedicata all’arte, che è espressione e linguaggio universale di Venezia in tutto il mondo. Con “Dal Silenzio alla Parola” ridiamo voce alla bellezza e all’arte”.

E proprio a Venezia è dedicata l’ultima opera realizzata dall’artista internazionale, che ha deciso di esporla come omaggio alla città in cui si è laureato, ormai quarant’anni fa: un alfabeto composto da lettere reinterpretate con i simboli, gli oggetti e le immagini più note di Venezia.
“Ogni lettera ha una storia da raccontare” è il messaggio di Marini al termine del percorso che conduce all’Alphacube, un’esplosione di lettere colorate racchiuse all’interno di un cubo dove il visitatore è invitato a immergersi e scattare un selfie ricordo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità