La Biennale

Biennale 2020: vi sveliamo come sarà l’evento culturale più atteso dell’anno

Arrivano finalmente le date ufficiali di apertura della Biennale Architettura: qualche dettaglio su come sarà l'edizione 2020.

Biennale 2020: vi sveliamo come sarà l’evento culturale più atteso dell’anno
Venezia, 22 Aprile 2020 ore 11:30

Il sindaco Luigi Brugnaro aveva già annunciato che la Biennale ci sarebbe stata ma restava da capire quando e a che condizioni. Finalmente, la comunicazione ufficiale è arrivata: ecco tutti i dettagli.

Date e previsioni

La Biennale architettura verrà inaugurata il 29 agosto 2020 e durerà fino al 29 novembre 2020. Il curatore è il docente e architetto di origine libanese Hashim Sarkis, che dichiara:

“Abbiamo bisogno di un nuovo contratto spaziale. In un contesto caratterizzato da divergenze politiche sempre più ampie e da disuguaglianze economiche sempre maggiori, chiediamo agli architetti di immaginare degli spazi nei quali vivere generosamente insieme. Gli architetti invitati a partecipare alla Biennale Architettura 2020 sono stati incoraggiati a coinvolgere nella loro ricerca altre figure professionali e gruppi di lavoro: artisti, costruttori, artigiani, ma anche politici, giornalisti, sociologi e cittadini comuni. La Biennale Architettura 2020 vuole così affermare il ruolo essenziale dell’architetto, che è quello di affabile convener e custode del contratto spaziale.”

Già nel titolo, che sarà poi il filo rosso che legherà gli eventi della Biennale, questa dichiarazione appare chiarissima: How will we live together? E’ un interrogativo che, specie alla luce degli ultimi eventi, ci siamo chiesti e che rappresenta la vera sfida del domani, tanto politica quanto sociale.
Nella conferenza stampa del 22 aprile 2020, il sindaco Luigi Brugnaro ha dichiarato che “La Biennale sarà un buon veicolo di comunicazione internazionale“, simbolo di una Venezia che non si arrende ma che diventa la prima delle città italiane pronta a risorgere dopo un momento tanto buio.

I partecipanti

62 Paesi in mostra, tra cui due assolute novità: Iraq e Grenada. La Mostra Internazionale si articolerà tra il Padiglione Centrale ai Giardini, l’Arsenale e Forte Marghera, includendo 113 Partecipanti in concorso, con una rappresentanza crescente da Africa, America Latina e Asia. Oltre ai partecipanti invitati, la Biennale Architettura 2020 comprende Stations e Cohabitats, ricerche fuori concorso sui temi della Mostra sviluppate da ricercatori di università di tutto il mondo.
Organizzata in cinque scale tra Arsenale e Padiglione Centrale ai Giardini, la mostra internazionale presenta anche grandi installazioni collegate a ognuna delle cinque scale che si disporranno negli spazi esterni dell’Arsenale e dei Giardini. Cinque architetti e un fotografo di architettura sono infine gli autori del progetto dedicato al gioco a Forte Marghera, che si chiamerà “How will we play together?”.
Al Padiglione Italia è stato invece riservato lo spazio delle Tese Vergini in Arsenale, grazie anche al contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Direzione Generale Creatività contemporanea, e sarà curato da Alessandro Melis.

 

Gli eventi già in corso

Biennale, del resto, non si fa certo fermare dalla pandemia. Sono già in corso dei laboratori pensati per i più piccoli con lo scopo di tenerli impegnati, da un lato, ma anche di invogliarli a visitare la Biennale, quando l’evento verrà finalmente inaugurato. E’ il caso di Danzando alla Biennale, laboratorio di danza e architettura per bambini e curiosi.
Ovviamente, non si pensa solo ai piccoli: Imparando alla Biennale, ad esempio, è un percorso dedicato alle scuole secondarie di secondo grado, ma anche i Podcast, pensati invece per docenti e studenti del liceo o dell’università.
Tutte le attività si trovano a questo link.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità