Menu
Cerca
Arrestato

Violenta rissa in via Piave, uno dei fermati aveva le tasche piene di cocaina

Accompagnato in Questura e sottoposto ai riscontri fotodattiloscopici, il soggetto è stato identificato per un cittadino nigeriano di 25 anni con precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti.

Violenta rissa in via Piave, uno dei fermati aveva le tasche piene di cocaina
Cronaca Venezia, 23 Aprile 2021 ore 15:04

Continua senza sosta l’attività di controllo del territorio da parte degli operatori delle Volanti della Questura di Venezia che vigilano diuturnamente in terraferma ed in laguna.

Violenta rissa in via Piave, uno dei fermati aveva le tasche piene di cocaina

Sempre pronti a rispondere alle segnalazioni dei cittadini, gli operatori hanno ottenuto un altro importante risultato nel contrasto allo spaccio di stupefacenti in città.

Alle prime luci dell’alba di oggi, infatti, in una città ancora semiaddormentata, gli operatori delle Volanti terrestri, a seguito di una segnalazione pervenuta al 113, sono prontamente intervenuti in via Piave dove era stata inizialmente segnalata una rissa.

Gli Agenti giunti sul posto hanno osservato uno straniero che alla vista dell’auto di servizio tentava di allontanarsi, ma che poco dopo veniva bloccato da un altro equipaggio che aveva sbarrato ogni via di fuga guidato nell’azione dai colleghi della Sala Operativa che seguivano in tempo reale gli eventi dalle telecamere di videosorveglianza cittadine.

L’uomo, in un evidente stato di agitazione, veniva quindi sottoposto ad un controllo sommario che portava al rinvenimento di banconote per un valore di 542 euro e di diciannove involucri di presumibile sostanza stupefacente che al successivo controllo con il narcotest risultava essere cocaina.

Accompagnato in Questura e sottoposto ai riscontri fotodattiloscopici, il soggetto è stato identificato per un cittadino nigeriano di 25 anni con precedenti di polizia per spaccio di stupefacenti.

L’uomo è stato quindi tratto in arresto e, come disposto dal PM di Turno, tradotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida.