Polizia locale

Spaccio in centro a Mestre: arresti e denunce. Sei consumatori allontanati con daspo

Continua l’attività della Polizia locale per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare nelle aree verdi di Corso del Popolo e zone limitrofe.

Spaccio in centro a Mestre: arresti e denunce. Sei consumatori allontanati con daspo
Mestre, 16 Settembre 2020 ore 15:15

Lotta allo spaccio: una persona arrestata, una denunciata, sei consumatori allontanati con daspo.

Polizia locale

Continua l’attività della Polizia locale di Venezia per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nel centro di Mestre, in particolare nelle aree verdi di Corso del Popolo e zone limitrofe. Nel pomeriggio di ieri, 15 settembre 2020, operatori in borghese del Nucleo operativo sicurezza urbana, confondendosi tra le numerose persone presenti in quel momento nel giardino pubblico di via Tasso, hanno notato un uomo di colore seduto su una panchina con atteggiamento sospetto insieme a una tossicodipendente già nota agli agenti. Dopo aver bloccato ogni eventuale via di fuga, gli agenti si sono avvicinati all’uomo e gli hanno chiesto di aprire lo zaino che portava con sé. Nonostante il tentativo del cittadino africano di celarne il contenuto, gli operatori hanno trovato due involucri di cellophane che contenevano marijuana per un peso lordo complessivo di circa 30 grammi (equivalente superiore a circa 30 dosi). Il giovane, di 33 anni e proveniente dalla Guinea Bissau, con precedenti per furto aggravato ed utilizzo indebito di carte di credito, è stato denunciato in stato di libertà per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Spaccio in centro a Mestre: arresti e denunce. Sei consumatori allontanati con daspo

Bivaccavano fumando eroina

Nel pomeriggio di lunedì 14 settembre la pattuglia del Nucleo Pronto impiego, in sella ai quad di ordinanza, in perlustrazione nei parchi cittadini, ha scorto nella parte centrale del parco di via Sernaglia, seminascoste dalla vegetazione, cinque persone in evidente stato di tossicodipendenza intente a bivaccare e fumare eroina: si trattava di due ragazze, la più giovane di 19 anni, l’altra di 24, e di tre uomini di 40, 34, 58 anni provenienti da Concordia Sagittaria, Chioggia, Pordenone e Mestre. Dopo essere stati tutti sanzionati con una multa di 450 euro e fatti oggetto di provvedimento di daspo, i cinque sono stati obbligati a ripulire l’area che avevano sporcato.

Un anno e 2mila euro di multa al pusher

Venerdì mattina infine il giudice ha condannato ad un anno di reclusione e 2mila euro di multa, un cittadino nigeriano di 25 anni arrestato il giorno precedente per spaccio dal Nucleo Operativo e cinofilo del Corpo. L’uomo, già denunciato dalla Polizia locale nel mese di luglio in piazzale Bainsizza, era stato sorpreso intorno alle 16 di giovedì in prossimità del sottopasso ciclopedonale di via Dante mentre riceveva delle banconote in cambio di due involucri di eroina da un giovane di 26 anni residente a Fossò. Al cliente, oltre alle contestazioni amministrative per complessivi 450 euro, è stato impartito l’ordine di allontanamento dalla zona per 48 ore.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità