Beccati!

Si fingevano pescatori ma spacciavano eroina e cocaina: arrestati a Mestre

Un italiano e un moldavo sono stati colti sul fatto con addosso ancora le sostanze stupefacenti e mille euro in contanti.

Si fingevano pescatori ma spacciavano eroina e cocaina: arrestati a Mestre
Mestre, 15 Giugno 2020 ore 14:05

Nella tarda serata di venerdì 12 giugno 2020, gli agenti del Commissariato di Mestre, a seguito di attività di osservazione e pedinamento nell’area del Bosco Osellino, hanno arrestato due uomini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Cosa è successo

I due uomini, un italiano di 32 anni e un moldavo di 30, erano stati notati mentre facevano finta di pescare nei pressi del torrente: in realtà, erano lì per incontrare i propri “clienti”, consumatori di stupefacenti. Dopo il confezionamento della sostanza, uno dei due soggetti raggiungeva il luogo deputato alla cessione, raccoglieva il denaro dal tossicodipendente e tornava nuovamente a “pescare”. Il susseguirsi di persone nelle vicinanze dei “pescatori” non è sfuggita agli investigatori, che venerdì sono passati all’azione: travestiti da operatori ecologici, gli agenti del Commissariato hanno dapprima fermato un ventenne veneziano con 5 grammi di eroina, che confessava di aver appena acquistato dai due soggetti. Immediatamente dopo, hanno bloccato i due finti pescatori, impedendogli di disfarsi della sostanza stupefacente: sono stati rinvenuti e sequestrati 60 grammi di eroina, 10 grammi di cocaina, una somma di contanti per un totale di 1000 euro circa, e diversi attrezzi necessari allo spaccio, tra i quali un bilancino. Ai due spacciatori, dapprima tradotti presso il carcere di Santa Maria Maggiore, è stata applicata la misura degli arresti domiciliari, in attesa del processo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità