Supporto

“Rialziamoci, rialzamola”: al mercato di Rialto consegnati gli assegni in aiuto agli artigiani danneggiati dall’acqua alta

L'assessore Venturini: "Iniziativa importante che si aggiunge ai risarcimenti del commissario, scattati in tempi record"

“Rialziamoci, rialzamola”: al mercato di Rialto consegnati gli assegni in aiuto agli artigiani danneggiati dall’acqua alta
Venezia, 13 Luglio 2020 ore 12:42

Lo scorso 10 luglio 2020 sono stati consegnati dall’assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, gli assegni in aiuto alle realtà artigiane ammesse al contributo grazie a una raccolta fondi promossa da Confartigianato Imprese Venezia immediatamente dopo l’acqua alta straordinaria del 12 novembre scorso.

Un aiuto importante

40 in totale gli assegni consegnati ad altrettante imprese, per un importo da un minimo di 300 a un massimo di 1650 euro. La consegna, con “padrone di casa” il presidente dell’associazione Confartigianato Gianni De Checchi, giunge praticamente in contemporanea agli stanziamenti degli aiuti “ufficiali” disposti dal commissario delegato all’emergenza Acqua alta, Luigi Brugnaro.

La parola all’assessore

Così commenta l’assessore Venturini:

Speravamo che l’acqua alta fosse l’ultima prova difficile da sostenere ma in realtà si è rivelata l’antipasto di una battaglia ancora più grande, perché globale e dai tempi di recupero ancora più dilatati come il Coronavirus. Però poter contare su una categoria forte e ben rappresentata come Confartigianato, che ha saputo organizzarsi e parlare al resto d’Italia ponendo al centro il ‘dossier Venezia’, è importante. Più in generale il ‘dossier Venezia’ deve interessare il resto del mondo anche per altri temi, perché l’emergenza Coronavirus e la crisi economica che ne è seguita pongono la nostra Città in una posizione molto delicata, al pari delle altre città d’arte italiane. Però credo che, al contempo, ciò costituirà l’occasione di raccontare perché Venezia necessiti di interventi speciali. Speriamo che aver messo ancora una volta a nudo la fragilità di Venezia possa portare a un nuovo modello basato su una diversa considerazione a livello nazionale ed europeo della Città”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità