Sempre più attenzione

Quattro minori fermati in Fondamenta Zattere: continuano i controlli dei Carabinieri

Il comando provinciale dei Carabinieri continua a pattugliare la città. Tra le segnalazioni, quattro giovani e un gruppo di persone in coda all'ufficio postale.

Quattro minori fermati in Fondamenta Zattere: continuano i controlli dei Carabinieri
Venezia, 25 Marzo 2020 ore 15:34

Il lavoro delle Forze dell’Ordine continua: tra i cittadini denunciati quattro ragazzi, di cui uno con precedenti penali.

Cosa è successo

Il Nucleo Natanti ha segnalato che nella serata di ieri, 24 marzo 2020, quattro minori di età compresa tra i 15 e i 16 anni provenienti da Chirignago e Mestre stavano camminando indisturbati lungo Fondamenta delle Zattere. Dopo essere stati fermati dalle Autorità, i ragazzi hanno risposto che si trovavano in zona perché erano andati a fare visita a dei conoscenti non meglio identificati. A seguito di ulteriori accertamenti, il Nucleo ha appurato che due dei quattro soggetti erano già stati segnalati durante il pomeriggio perché, insieme ad un altro amico, erano stati visti girare per via Baldassarre Longhena a Marghera. Uno dei quattro minori era già noto alle autorità perché aveva già commesso furti e scippi nel territorio della città metropolitana.

Altre segnalazioni

A Cavarzere è stato necessario l’intervento dei Carabinieri e della Polizia della stazione locale perché una trentina di persone si erano raggruppate fuori dall’ufficio postale, in attesa che aprisse. Le Forze dell’Ordine sono intervenute per aiutare i cittadini a disporsi in fila e hanno raccomandato loro di rispettare la distanza di almeno un metro l’uno dall’altro.

In generale, sono sempre di meno i cittadini che si allontanano da casa: probabilmente, le diverse segnalazioni fatte anche dagli abitanti stessi hanno evitato che molti si allontanassero da casa senza motivo. La quarantena è ancora lunga ma si continua a confidare sul buon senso dei cittadini.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità