Cronaca
Arrestati

Puntano la pistola in faccia alla cassiera: "Dacci i contanti". Rapina violenta al Famila di Campagna Lupia

In quaranta minuti i Carabinieri sono riusciti a individuare i responsabili...

Puntano la pistola in faccia alla cassiera: "Dacci i contanti". Rapina violenta al Famila di Campagna Lupia
Cronaca Venezia, 23 Giugno 2022 ore 08:55

Nella serata di ieri, i carabinieri del Provinciale di Venezia, in particolare delle Compagnie di Mestre e Chioggia, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Venezia, hanno arrestato 4 persone, a seguito di una rapina avvenuta, alle precedenti ore 18:15 circa, al supermercato Famila di Campagna Lupia.

Puntano la pistola in faccia alla cassiera: "Dacci i contanti"

Due soggetti sono entrati con il volto coperto da mascherina e cappellino e minacciando le cassiere con una pistola ed un’arma lunga, puntando la pistola al viso di una di queste, e si sono fatti consegnare l’incasso, pari circa a 1.400€, per poi dileguarsi a bordo di uno scooter.

Negli ultimi mesi si sono verificate numerose rapine ai danni di supermercati nella zona della Riviera del Brenta e di Mestre, per questo sono stati messi in atto numerosi servizi antirapina, in orario tardo pomeridiano. E ieri hanno dato i loro frutti.

Rapina violenta al Famila di Campagna Lupia

Quaranta minuti dopo il fatto, i carabinieri della Stazione di Vigonovo hanno intercettato alcuni soggetti a bordo di un’auto ove seguito di perquisizione, sono stati rinvenuti il denaro contante asportato poco prima e 50 munizioni cal. 9 pb. I successivi accertamenti condotti dai carabinieri della Compagnia di Mestre, della Tenenza di Dolo e della Stazione di Campagna Lupia, hanno permesso di rintracciare il probabile nascondiglio dove era stato riposto lo scooter e le armi utilizzate per la rapina presso l’abitazione di un complice, sita a Campagna Lupia, censurato.

In particolare sono stati ritrovati il motociclo, oggetto di furto denunciato lo scorso gennaio a Favaro Veneto, con targa altresì oggetto di furto avvenuto a Padova lo scorso aprile, successivamente contraffatta, e le armi, un fucile a canne mozze, con matricola abrasa e 5 cartucce inserite cal. 12 a pallettoni e una pistola scacciacani con colpi a salve e priva di tappo rosso. Sono stati individuati anche i caschi ed il materiale usato per la rapina, come delle mascherine chirurgiche nere, una fasciatura bianca indossata da uno dei rapinatori per nascondere un tatuaggio sul braccio, un passamontagna e gli indumenti usati poco prima, tutto sottoposto a sequestro.

Quattro arresti

I 4 soggetti sono stati tutti arrestati a vario titolo, essendo stati raccolti elementi probatori per i reati di rapina aggravata in concorso, detenzione di arma clandestina, detenzione abusiva di munizioni, porto illegale di arma e ricettazione. Tre di loro sono stati tradotti in carcere ed uno agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’udienza di convalida.

Proseguiranno le indagini, da parte della Procura lagunare e dei Carabinieri della Compagnia di Mestre e di Chioggia, per individuare se il gruppo criminale ha connessioni con le altre rapine avvenute da aprile ad oggi, commesse con modalità similari.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter