Cronaca
Il tentativo

Prigioniero in Sudan, lo strappalacrime audio appello della figlia di Zennaro: "Marco libero!"

Dopo l'intervento della Farnesina, lo spostamento da una cella a un'altra, e la speranza che presto si arrivi a una soluzione, i famigliari stanno provando anche altre "strade".

Cronaca Venezia, 04 Giugno 2021 ore 10:45

E' detenuto, praticamente imprigionato in modo disumano, da aprile. E solo da un paio di giorni sarebbe stato spostato da una cella a un'altra. Una notizia positiva? Forse, perché al momento è ancora impossibile sapere se la sua situazione detentiva sia migliorata rispetto a prima. Così dopo l'intervento della Farnesina, ora i famigliari provano una strada diversa, condividendo l'appello audio e un disegnino della figlia. La speranza è di far presa sulla sensibilità delle istituzioni del Sudan. (Immagini e video da Facebook).

La famiglia di Zennaro cerca di commuovere il Sudan: diffusi appello audio e disegno della figlia

Gli amici di Marco Zennaro sono tanti. Anzi, tantissimi. E tutti si sono dati appuntamenti l'altro giorno per un corteo tra i canali di Venezia, la "sua" Venezia, organizzato proprio per sostenerlo simbolicamente, per dare un segnale, per tenere accesi i riflettori sulla vicenda tutt'altro che chiusa nonostante l'intervento della Farnesina.

 

Insomma, tutto il Veneto, tutta Italia, lo si può dire chiaramente, sta cercando di fare in modo che l'imprenditore veneziano imprigionato da due mesi in Sudan, torni a casa. O almeno lasci le celle in cui è rinchiuso (in condizioni disumane) e venga trasferito in una struttura più dignitosa.

193616754_10226387472096881_2401900645888311004_n
Foto 1 di 40
193722042_10226387461056605_2039838116284929330_n
Foto 2 di 40
193857273_10226387475456965_1380844555456514208_n
Foto 3 di 40
193954779_10226387499657570_8136746479587961382_n
Foto 4 di 40
193996592_10226387464056680_3699064715990443406_n
Foto 5 di 40
193996592_10226387470896851_2604707280848476792_n
Foto 6 di 40
194048755_10226387487697271_1712978550196364972_n
Foto 7 di 40
190670109_10226387471576868_8902551333068749635_n
Foto 8 di 40
191105735_10226387469976828_2963676710776675564_n
Foto 9 di 40
191433747_10226387465816724_3002453599573012042_n
Foto 10 di 40
191671413_10226387488137282_1198485449387702930_n
Foto 11 di 40
191680913_10226387462336637_7272859886719205000_n
Foto 12 di 40
191702035_10226387499577568_3714817871448249148_n
Foto 13 di 40
191703839_10226387469736822_4017540920957586782_n
Foto 14 di 40
191765001_10226387463056655_5025167543220827460_n
Foto 15 di 40
191765001_10226387488457290_1245621329857079899_n
Foto 16 di 40
191804459_10226387468096781_3824761528542348582_n
Foto 17 di 40
191815293_10226387467016754_1547751631162281106_n
Foto 18 di 40
191828781_10226387464776698_9152542894865776339_n
Foto 19 di 40
191839876_10226387473336912_1871409566750987219_n
Foto 20 di 40
191893157_10226387480617094_5656377423192084638_n
Foto 21 di 40
191933432_10226387479537067_2014060800074146610_n
Foto 22 di 40
191985221_10226387460496591_3101882155635262357_n (1)
Foto 23 di 40
191985221_10226387460496591_3101882155635262357_n
Foto 24 di 40
191996404_10226387479257060_1517646770239653577_n
Foto 25 di 40
192020669_10226387460656595_2628386234765283959_n
Foto 26 di 40
192092429_10226387471496866_8084011712296416490_n
Foto 27 di 40
192170771_10226387472696896_9024784761387860353_n
Foto 28 di 40
192170774_10226387463656670_2436284637172316671_n
Foto 29 di 40
192189861_10226387465616719_2717673324908852853_n
Foto 30 di 40
192195892_10226387478777048_3956830219507156811_n
Foto 31 di 40
192518924_10226387473656920_7621089627424774752_n
Foto 32 di 40
192522485_10226387474256935_1186233753785862510_n
Foto 33 di 40
192546179_10226387464136682_8412483457671504514_n
Foto 34 di 40
192581758_10226387477457015_3720894444824730711_n
Foto 35 di 40
193188958_10226387464576693_1925486089870415263_n
Foto 36 di 40
193269022_10226387473856925_6680789426418054282_n
Foto 37 di 40
193335041_10226387491417364_5162560501895743639_n
Foto 38 di 40
193610444_10226387474176933_4334958119662171388_n
Foto 39 di 40
193610444_10226387489777323_3867934183705196364_n
Foto 40 di 40

Ma visto che tutte le strade percorse fino a questo momento, dopo aver interessato alla vicenda le massime autorità locali, regionali e anche dello Stato, senza però aver ottenuto significativi risultati, ora la famiglia sta tentando una strada differente: è stato infatti diffuso un video messaggio in cui è raffigurato il disegnino della sua liberazione e del suo ritorno a casa realizzato dalla terza figlia, Tullia, abbinato all'audio messaggio con le parole della bimba.

Un video emozionante, che i famigliari sperano possa "toccare" il cuore delle istituzioni del Sudan, per imprimere la tanto agognata spinta che dovrebbe portare alla risoluzione della vicenda.

"Papi, questo è il disegno che ti ho fatto", dice la bimba nel messaggio audio condiviso dai famigliari sui social, e poi continua, "lo sai che c'erano tantissimi che dicevano Marco libero! Ti voglio bene".

194895096_10226387468776798_7744105980948873746_n
Foto 1 di 38
194988607_10226387469256810_7091207008991042277_n
Foto 2 di 38
195043537_10226387463536667_7080949179334366588_n
Foto 3 di 38
195058389_10226387472456890_2272634790892751149_n
Foto 4 di 38
195115878_10226387468656795_7475047565287684423_n
Foto 5 di 38
195520336_10226387472936902_1823602055157891022_n
Foto 6 di 38
195942667_10226387466256735_1519386828641020898_n
Foto 7 di 38
194090226_10226387491057355_6657022120459742950_n
Foto 8 di 38
194132613_10226387478217034_9097226592788592720_n
Foto 9 di 38
194132917_10226387480217084_5513673783465806909_n
Foto 10 di 38
194146344_10226387476136982_8949904546532893783_n
Foto 11 di 38
194192933_10226387467496766_8538209993013925107_n
Foto 12 di 38
194272437_10226387478497041_6214379061190954561_n
Foto 13 di 38
194279042_10226387461136607_5674098172987967400_n
Foto 14 di 38
194279042_10226387461816624_8652590436730822235_n
Foto 15 di 38
194284421_10226387481297111_1740329023852883374_n
Foto 16 di 38
194306873_10226387471976878_2577503436254294970_n
Foto 17 di 38
194344636_10226387463176658_1897200833914592308_n
Foto 18 di 38
194344636_10226387466376738_7809653417280657193_n
Foto 19 di 38
194349011_10226387462416639_8848570170986005757_n
Foto 20 di 38
194354246_10226387461656620_8078414538908167659_n
Foto 21 di 38
194361128_10226387465136707_2422878249365790217_n
Foto 22 di 38
194392964_10226387467616769_9222286844171904071_n
Foto 23 di 38
194392964_10226387492297386_3442701107635194363_n
Foto 24 di 38
194400536_10226387475216959_7447356646467540641_n
Foto 25 di 38
194404808_10226387481657120_1911830769000462171_n
Foto 26 di 38
194418618_10226387469456815_5474986251634370458_n
Foto 27 di 38
194425090_10226387470816849_81007810882179264_n
Foto 28 di 38
194436185_10226387466896751_2315593111096397842_n
Foto 29 di 38
194451331_10226387492697396_7440396484215208540_n
Foto 30 di 38
194463263_10226387477817024_5043496934095066360_n
Foto 31 di 38
194482023_10226387478897051_7622647673093401689_n
Foto 32 di 38
194550938_10226387488737297_6659367015824537549_n
Foto 33 di 38
194577976_10226387476696996_1742202646702519734_n
Foto 34 di 38
194610803_10226387476776998_1753745859844236792_n
Foto 35 di 38
194652332_10226387490177333_590633666492578299_n
Foto 36 di 38
194751176_10226387465056705_5371094684643407094_n
Foto 37 di 38
194891020_10226387468336787_7294965211209393369_n
Foto 38 di 38

Dal volo in Sudan alle manette

Martedì erano due mesi esatti dal primo aprile, giorno in cui il veneziano è stato fermato dai miliziani proprio mentre stava per imbarcarsi su un volo per l'Italia. Le manette erano scattate per una denuncia per truffa presentata da un imprenditore sudanese, Ayman Gallabi, a cui Zennaro aveva fornito alcuni prodotti destinati alla società elettrica nazionale.

Ma gli apparecchi, secondo Gallabi, non erano conformi. A metà marzo, dunque, il primo arresto con la detenzione in albergo. Attraverso una transazione economica, poi, il sudanese aveva cambiato versione, ritirando le accuse e lasciando libero l'italiano. Ma una volta arrivato in aeroporto per Zennaro erano scattate nuovamente le manette, con il trasferimento, questa volta, in carcere.

Una nuova querela, questa volta presentata da Abdallah Esa Yousif Ahamed, considerato il finanziatore di Gallabi e vicinissimo al sanguinario generale Mohamed Hamdan Dagalo, per un fatto ancora avvolto nel mistero: nei giorni precedenti, infatti, era stato trovato senza vita il corpo di Gallabi, nel Nilo. Il finanziatore dell'uomo trovato morto continua a chiedere, in pratica dal primo giorno di prigionia, 700mila euro per ritirare ogni accusa.

195175307_10226387557899026_6501091692836782037_n
Foto 1 di 43
195365683_10226387552258885_2865355774602941420_n
Foto 2 di 43
195378763_10226387545258710_3586212502379079984_n
Foto 3 di 43
195472806_10226387550418839_8682024411536284238_n
Foto 4 di 43
195597130_10226387557739022_6011752362428373647_n
Foto 5 di 43
196015664_10226387554738947_7203063727881883945_n
Foto 6 di 43
190089536_10226387556818999_2858221119373792649_n
Foto 7 di 43
191574553_10226387549418814_2444637773961306185_n
Foto 8 di 43
191626454_10226387557299011_5841152073191894069_n
Foto 9 di 43
191631955_10226387547498766_8273124374189446587_n
Foto 10 di 43
191687709_10226387554378938_4981579859834900015_n
Foto 11 di 43
191687709_10226387558379038_3657960887449397671_n
Foto 12 di 43
191801792_10226387548018779_4429682709180920364_n
Foto 13 di 43
191819544_10226387544298686_3334484597124783513_n
Foto 14 di 43
191830795_10226387556258985_3818671469903086827_n
Foto 15 di 43
191845843_10226387547018754_8744886340806375788_n
Foto 16 di 43
191851212_10226387555338962_4691719944566145149_n
Foto 17 di 43
192120543_10226387545778723_474874062341719956_n
Foto 18 di 43
192348013_10226387555698971_5494235536428718374_n
Foto 19 di 43
192738468_10226387551138857_2800686031103480259_n
Foto 20 di 43
192744380_10226387545458715_3236737176285704785_n
Foto 21 di 43
193024041_10226387548778798_861923237028375293_n
Foto 22 di 43
193779726_10226387558259035_3238881096993178075_n
Foto 23 di 43
193865638_10226387546418739_8615253921214591408_n
Foto 24 di 43
193955112_10226387556458990_7729326912382134797_n
Foto 25 di 43
194210663_10226387548138782_7874105197582095144_n
Foto 26 di 43
194297777_10226387550938852_178439564159672116_n
Foto 27 di 43
194311595_10226387548658795_3882531725998700629_n
Foto 28 di 43
194324101_10226387544778698_2443459058581385486_n
Foto 29 di 43
194398966_10226387556738997_5667515679688112364_n
Foto 30 di 43
194418519_10226387544978703_2601746935791541434_n
Foto 31 di 43
194438214_10226387555218959_410499173764969299_n
Foto 32 di 43
194458561_10226387546258735_8986638363612768108_n
Foto 33 di 43
194475529_10226387552858900_2865269942696723684_n
Foto 34 di 43
194475529_10226387552978903_3380640114136617806_n
Foto 35 di 43
194531788_10226387549298811_8190937268326040266_n
Foto 36 di 43
194583846_10226387553658920_379954611871208948_n
Foto 37 di 43
194695930_10226387552578893_1862135278648160927_n
Foto 38 di 43
194704819_10226387554098931_2488292341273700654_n
Foto 39 di 43
194730751_10226387551418864_8266536349118254955_n
Foto 40 di 43
194787732_10226387544418689_2708709536934779818_n
Foto 41 di 43
194878752_10226387555778973_3963848545661419270_n
Foto 42 di 43
194968400_10226387547218759_8299086083099237287_n
Foto 43 di 43

Attualmente, secondo quanto è stato possibile ricostruire, Zennaro sarebbe stato spostato da una prima cella ad un'altra. Ma non è dato sapere se le condizioni siano migliori rispetto alla camera di sicurezza precedente. Una temperatura di 45 gradi, in stanza con altre 30 persone, tra picchi di febbre alta e dolori alla schiena, quella dei famigliari e delle istituzioni italiane ha davvero tutto l'aspetto di essere una corsa contro il tempo.

Seguici sui nostri canali