Cronaca
Tragedia sul lavoro

Operaio 34enne precipita da una passerella al terminal del porto: morto all'ospedale

Alessandro Zabeo è caduto da un'altezza di circa tre metri. In seguito alle ferite era finito in coma ma una volta arrivato al nosocomio non ce l'ha fatta.

Operaio 34enne precipita da una passerella al terminal del porto: morto all'ospedale
Cronaca Venezia, 24 Maggio 2022 ore 14:21

Una vera e propria tragedia quella che si è consumata lunedì 23 maggio 2022 al terminal Vecon di Marghera. Il giovane Alessandro Zabeo non ce l'ha fatta...

Operaio 34enne precipita da una passerella al terminal del porto: morto all'ospedale

Una caduta da un'altezza di circa 3 metri. Mentre lavorava a bordo di una nave. Forse per un errore umano, oppure per una distrazione, o ancora per un malore. E poi la corsa in ospedale, in condizioni gravissime... Purtroppo, però, il 34enne Alessandro Zabeo non ce l'ha fatta: è morto al nosocomio cittadino.

Troppo serie le ferite riportate nella caduta. L'uomo era un addetto al rizzaggio, quell'operazione che consiste nel legare o slegare i container ed era assunto con un contratto interinale alla Nuova Compagnia dei lavoratori portuali. Il volo di tre metri gli ha procurato un grave trauma alla testa e diverse ferite al torace.

I soccorritori, intervenuti tempestivamente, lo hanno immobilizzato e trasferito all'ospedale dell'Angelo in terapia intensiva. Ma purtroppo per lui non c'è stato nulla da fare. Una notizia tragica che ha travolto i colleghi e i referenti sindacali, tanto che per la mattinata di oggi è stato inscenato uno sciopero bloccando le attività del porto.

L'operaio è volato da una passerella mentre stava sganciando i blocchi in ghisa che tengono ancorati alla nave i container, per permettere alla gru di sollevarli. Ma lì qualcosa è andato storto: è caduto battendo con violenza la testa su un camminamento in ferro. Inizialmente era sveglio e sembra che sia stato proprio lui a chiedere aiuto. Poi, però, le sue condizioni si sono aggravate. Adesso si indaga sull'accaduto e si accendono anche i riflettori sulle condizioni di sicurezza dei lavoratori portuali.

Montanariello (PD): "Vicinanza alla famiglia. Ora rapido vaglio per chiarire cause ed eventuali responsabilità"

"Esprimo la mia vicinanza e di tutto il gruppo PD alla famiglia di Alessandro Zabeo, alla quale mi lega peraltro un rapporto di conoscenza. Si tratta dell'ennesima, giovane vittima sul lavoro. Una tragedia attorno alla quale ci attendiamo un rapido vaglio per chiarire cause ed eventuali responsabilità".

Questo il commento del consigliere regionale del PD Veneto, Jonatan Montanariello, dopo l'incidente mortale che si è verificato presso il terminal Vecon di Porto Marghera.

"La sicurezza dei lavoratori resta un nodo drammaticamente sospeso, ancora lontano da un livello accettabile, e che tuttavia continua a rimanere alla periferia delle priorità istituzionali. Manca non solo un adeguato sistema di controllo, in primo luogo a causa delle carenze del personale addetto.

Manca in generale un approccio culturale e di sistema in grado di elevare la sicurezza di chi lavora a parametro irrinunciabile di sviluppo, innovazione, competitività. É a questo cambio di rotta che tutti, politica, istituzioni, imprenditoria, devono contribuire concretamente e urgentemente".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter