Cronaca
E' caccia al responsabile

Manomette le pompe in un cantiere per lasciare Venezia a secco... d'acqua potabile

Grazie all’ intervento dell’impresa, l’approvvigionamento idrico tramite il by pass è stato rispristinato e il servizio potabile non ha subito interruzioni.

Manomette le pompe in un cantiere per lasciare Venezia a secco... d'acqua potabile
Cronaca Venezia, 16 Luglio 2021 ore 15:17

Approfitta di una breve e momentanea pausa della guardia di sorveglianza per manomettere le pompe allagando così il cantiere di Acque Risorgive sulla canaletta CUAI nel comune di Quarto d’Altino. E’ accaduto ieri, 15 luglio, alle prime ore del mattino. Un malintenzionato si è introdotto nell’area interessata dal cantiere strappando i cavi di collegamento della centrale di comando delle pompe e determinandone così lo spegnimento.

Manomette le pompe in un cantiere per lasciare Venezia a secco

“Si tratta di un fatto grave che – spiega il direttore del Consorzio Carlo Bendoricchio – si configura come un reato vero e proprio. Interrompere infatti un pubblico servizio essenziale come è la canaletta CUAI per l’approvvigionamento potabile della città di Venezia, è un atto che può portare a ripercussioni serie”. L’impresa che ha ricevuto in appalto i lavori da Acque Risorgive ha provveduto a sporgere denuncia contro ignoti presso le autorità competenti.

Erano circa le 4 del mattino quando il malintenzionato è entrato nell’area posta a sud della strada Jesolana, provocando lo spegnimento delle pompe. Nel giro di qualche minuto il cantiere si è allagato, rendendo impossibile la ripresa delle attività di cantiere e obbligando l’impresa costruttrice al rispristino delle condizioni di cantiere con travasi e con l’asciugatura dell’area in lavorazione, ovvero centinaia di metri di alveo. Grazie all’ intervento dell’impresa, l’approvvigionamento idrico tramite il by pass è stato rispristinato e il servizio potabile non ha subito interruzioni.

I lavori in corso, eseguiti da Acque Risorgive e finanziati dal Ministero dell’Agricoltura nell’ambito del programma PSRN con oltre € 14.000.000,00, sono finalizzati al recupero di importanti cedimenti strutturali dei rivestimenti in cemento armato della canaletta CUAI che causano dispersione.

La canaletta CUAI ha funzione multipla irrigua, potabile e industriale e pertanto per l’esecuzione dei lavori non è possibile interrompere il flusso dell’acqua verso il potabilizzatore di Cà Solaro gestito da Veritas in particolare per il servizio potabile della città storica di Venezia e della terraferma mestrina.

L’intervento comporta la messa in asciutta di tratti di canale e la necessità di provvedere al bypass del tratto in lavorazione tramite il pompaggio delle acque da monte.