Attimi di paura

La folle corsa da Verona a Venezia: un furgone bianco semina il panico in autostrada

Per l'uomo alla guida, oltre ai reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, potrebbe essere contestato il reato di fuga a seguito di incidenti.

La folle corsa da Verona a Venezia: un furgone bianco semina il panico in autostrada
Venezia, 14 Maggio 2020 ore 17:31

E’ successo nella mattinata di oggi, 14 maggio 2020: il folle guidatore ha attraversato a tutta velocità la A4 da Verona a Venezia.

La segnalazione

Sfrecciava veloce come un proiettile e invece era un furgone bianco, segnalato questa mattina verso le 8.30 in autostrada. Sono diverse le segnalazioni giunte alla Questura di Verona della presenza di un furgone bianco che si  lanciato a folle velocità e procedeva a zig zag lungo l’autostrada A4 da Verona a Venezia. Il mezzo è stato alla fine bloccato dagli agenti della Polizia Stradale del Compartimento del Veneto.

Si tratta di un 32enne incensurato

A seminare il panico è stato un uomo di 32 anni, di origini albanesi, incensurato che senza apparente motivo ha imboccato l’autostrada a tutta velocità, compiendo manovre pericolose che hanno seminato paura tra gli automobilisti in transito. Una pattuglia della polizia stradale di Verona si è messa sulle tracce dell’uomo mentre questo proseguiva la sua corsa.

L’inseguimento

All’inseguimento si sono aggiunte le pattuglie in servizio nelle province di Vicenza e Padova che hanno tentato senza successo di rallentarne la corsa. Alla fine, poco dopo lo svincolo per Venezia (in A57) e dopo travolto alcune auto, la corsa è giunta al termine. L’uomo, in evidente stato di alterazione, ha tentato una ulteriore violenza contro gli operatori di  polizia che sono stati costretti ad immobilizzarlo.

Nervoso da giorni

I familiari dell’uomo hanno riferito agli inquirenti che l’uomo, che si occupa di riparazioni edili, da un po’ di tempo manifestava segni di nervosismo. L’indagato, residente a Pescantina, è attualmente in stato di fermo negli uffici della Polizia Stradale di Venezia. Per lui oltre ai reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiali, potrebbe essere contestato il reato di fuga a seguito di incidenti. In una delle auto speronate viaggiavano anche una madre con due bambini di 10 e 8 anni che, dopo alcuni accertamenti in pronto soccorso, sono state mandate a casa con alcuni giorni di prognosi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità