Menu
Cerca
L'intervento dei Carabinieri

La droga è poca ma divisa in micro dosi per essere venduta: denunciati due giovani mestrini

Per J.L. classe 1999 di origini moldave scattava quindi la denuncia in stato di libertà per possesso ai fini di spaccio, mentre per l’amica trovata con addosso un bilancino, veniva inoltrata segnalazione alla Prefettura come consumatrice.

La droga è poca ma divisa in micro dosi per essere venduta: denunciati due giovani mestrini
Cronaca Mestre, 01 Giugno 2021 ore 14:25

Il Comando Compagnia Carabinieri di Mestre continua ad effettuare incessanti servizi straordinari nei “fine settimana”, orientati al controllo delle aree centrali della città, nel c.d. “quartiere Piave” nei parchi cittadini e Stazione ferroviaria, nonché tutti gli altri parchi cittadini, nella considerazione di fatto che tali zone sono frequentatissime, purtroppo anche da malintenzionati ed in particolare anche ladri e spacciatori; i militari dell’Arma hanno posto particolare attenzione alla vigilanza delle vie di comunicazione principali e secondarie.

La droga è poca ma divisa in micro dosi per essere venduta: denunciati due giovani mestrini

Anche la terraferma della città Metropolitana e i numerosi Comuni a “raggiera” sono sempre oggetto di ininterrotta vigilanza da parte delle pattuglie della Tenenza e Stazioni competenti per territorio, soprattutto nei confronti dei locali da ballo e delle piazze attorno alle quali vengono organizzati eventi o che comunque attirano la presenza di giovani.

I Carabinieri della Stazione di Mestre hanno sorpreso due giovani tossicodipendenti, di cui uno si ergeva a spacciatore, sorpresi durante un controllo proprio all’interno dell’area verde di via Ottavo Alpini mentre tentavano di disfarsi di alcune micro-dosi. Recuperata prontamente la Marijuana, i Carabinieri che la quantità di sostanza, pur relativamente piccola per un peso totale di quasi 3 grammi, è confezionata però in classiche bustine, pronte a passare di mano.

Per J.L. classe 1999 di origini moldave scattava quindi la denuncia in stato di libertà per possesso ai fini di spaccio, mentre per l’”amica” trovata con addosso un bilancino, veniva inoltrata segnalazione alla Prefettura come consumatrice.