Fuori controllo

Inveisce contro un frate e danneggia la chiesa, 50enne denunciata e sottoposta a Tso

L'episodio ieri pomeriggio nei pressi della stazione di Santa Lucia. La donna, con precedenti, ha anche aggredito gli agenti della Polfer.

Inveisce contro un frate e danneggia la chiesa, 50enne denunciata e sottoposta a Tso
Venezia, 25 Agosto 2020 ore 12:20

E’ successo ieri pomeriggio intorno alle ore 16 nei pressi della Stazione Santa Lucia.

Le urla contro il frate

Ieri pomeriggio, lunedì 24 agosto 2020, intorno alle ore 16, una pattuglia della Polizia Ferroviaria interveniva nei pressi della Stazione Santa Lucia, per la segnalazione di una donna che, poco prima, aveva compiuto atti di danneggiamento all’interno della chiesa, utilizzando un martelletto frangivetro, in dotazione a treni e autobus. La donna, che stava inveendo nei confronti di un frate, alla vista degli operatori reagiva tentando prima di eludere il controllo, per poi inveire anche nei loro confronti, simulando un’aggressione da parte degli stessi, in presenza di numerosi passanti, mentre gli agenti cercavano di ricondurla alla calma e di farle posare il martelletto che teneva in mano e che costituiva pericolo per tutte le persone presenti in quel momento.

Una 50enne italiana con precedenti

F.M., cinquantenne italiana, con precedenti per reati contro il patrimonio e contro la persona, veniva bloccata e resa inoffensiva dalla pattuglia Polfer, per poi essere condotta negli Uffici Polfer. Gli agenti, valutata la situazione di disagio psichico della donna, richiedevano l’intervento dei sanitari del 118. La donna, insofferente agli agenti, continuava ad urlare contro gli stessi, e a cercare di sferrare calci in loro direzione. All’arrivo dei sanitari la donna, apparentemente calmatasi, veniva accompagnata presso la Questura di Venezia per le identificazioni, ma all’uscita degli uffici Polfer la stessa riprendeva il comportamento aggressivo, colpendo un passante li presente in quel momento.

Le hanno fatto il Tso

La donna a quel punto è stata pertanto accompagnata in ospedale e sottoposta, dietro le valutazioni del personale medico, al trattamento sanitario obbligatorio. Il personale Polfer ha riportato una prognosi di 5 giorni per trauma contusivo. F.M. è stata indagata in stato di libertà per i reati di danneggiamento aggravato, resistenza, lesioni, oltraggio a pubblico ufficiale, violazione dell’art. 4 l. 110/1975, e rifiuto di fornire le proprie generalità.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità