Menu
Cerca
Polizia di Stato

Inseguimento da film con frontale a Mestre: arrestati due ladri

Collisione frontale tra l’auto della Polizia e l’auto in fuga in via delle Ninfe, dove i due malviventi sono stati bloccati e arrestati.

Inseguimento da film con frontale a Mestre: arrestati due ladri
Cronaca Mestre, 19 Febbraio 2021 ore 11:41

Una volante della Questura di Venezia, impegnata nell’attività di controllo del territorio, ha notato una FIAT Stilo sospetta nella zona del Centro Commerciale Porte di Mestre. Da lì è scattato l’inseguimento a folle velocità.

Inseguimento da film con frontale a Mestre: due arresti

Nel pomeriggio di mercoledì 17 febbraio 2021, una volante della Questura di Venezia, impegnata nell’attività di controllo del territorio, ha notato una FIAT Stilo sospetta nella zona del Centro Commerciale Porte di Mestre, dalla quale si apprestava a scendere un uomo che, alla vista della Polizia, è rientrato immediatamente a bordo lanciandosi in una folle corsa a tutta velocità, nonostante fosse stato intimato l’alt.

La volante si metteva quindi all’inseguimento della Stilo, comunicando nel frattempo alla Sala Operativa gli spostamenti in modo tale da consentire un coordinato intervento di ulteriori pattuglie di rinforzo: grazie a ciò un secondo equipaggio riusciva ad intuire la via di fuga e ad anticipare la Stilo, riuscendo a bloccarla in prossimità di Via delle Ninfe, dove però si è verificata anche una collisione frontale tra l’auto della Polizia e l’auto in fuga, che stava percorrendo un tratto contromano.

L’arresto

Ulteriori equipaggi giunti a rinforzo consentivano di bloccare un ultimo tentativo di fuga a piedi da parte degli occupanti l’autovettura, poi identificati in R.M. e R.C., rispettivamente di 34 e 37 anni, arrestati per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. A seguito di perquisizione dell’autovettura sono stati rinvenuti oggetti idonei allo scasso e ad infrangere i vetri delle vetture.

L’auto è stata inoltre sottoposta a sequestro penale e fermo amministrativo in quanto il conducente (il più giovane dei due) era privo di patente.

Gli arrestati sono stati condotti nella mattinata di ieri, giovedì, davanti al Tribunale che ne ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere in attesa del dibattimento.