Cronaca
L'indagine

Incendi, estorsioni e spaccio di droga: 7 arresti dei Carabinieri di San Donà di Piave - VIDEO

Tali atti sarebbero maturati in seno alla famiglia del mandante, un 55enne, a causa di un vecchio credito vantato nei confronti del cognato, resosi irreperibile, dell’ignaro titolare della ditta.

Cronaca San Donà di Piave, 04 Gennaio 2021 ore 10:35

Scattato un provvedimento cautelare in carcere - emesso dal GIP del Tribunale di Venezia su richiesta della Procura della Repubblica lagunare - nei confronti di 7 persone.

Incendi, estorsioni e spaccio di droga: 7 persone in manette

I Carabinieri della Compagnia di San Donà di Piave, coadiuvati in fase esecutiva dai colleghi delle Compagnie di Portogruaro, Mestre e Chioggia e con il supporto delle Squadre Operative di Supporto e di Intervento Operativo del 4° Battaglione “Veneto” di Mestre nonché di unità cinofile della Stazione CC 51° Stormo A.M. di Istrana (TV) e di un elicottero del 14° Nucleo Elicotteri di Belluno, hanno dato esecuzione a un provvedimento cautelare in carcere - emesso dal GIP del Tribunale di Venezia su richiesta della Procura della Repubblica lagunare - nei confronti di 7
persone, perché ritenute responsabili, a vario titolo, di “incendio, estorsione e detenzione di sostanze stupefacenti”.

Le indagini

Le indagini, condotte dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Donà di Piave con la collaborazione del ROS, hanno avuto origine da due atti intimidatori verificatisi in città nel mese di gennaio e di settembre del 2020, nel corso dei quali erano stati incendiati due furgoni di una ditta del luogo operante nel settore dell’assemblaggio di minuterie metalliche.

L’indagine, diretta dalla Procura della Repubblica di Venezia e sviluppata con il supporto di strumenti tecnici, ha permesso di raccogliere gravi e concordanti indizi di reità a carico degli indagati, individuando in un 48enne pregiudicato del luogo l’esecutore materiale degli incendi e nel 55enne L.M. il mandante delle azioni criminose. Tali atti sarebbero maturati in seno alla famiglia di quest’ultimo a causa di un vecchio credito vantato nei confronti del cognato, resosi irreperibile, dell’ignaro titolare della ditta.

Estorsioni e spaccio

L’estorsione che ha visto coinvolti altri correi che si prodigavano anche nel tentativo di rintracciare in ogni modo la vittima, si caratterizza per le gravi e pressanti minacce indirizzate alla stessa. Nel corso dell’indagine si è appurata, inoltre, la presenza di un’altra persona, del portogruarese, perseguitata da pressanti richieste estorsive da parte di alcuni odierni arrestati verosimilmente originate dal mancato pagamento di una partita di stupefacente.

Inoltre è emerso che sempre L. M., anche in concorso con uno dei fermati, era attivo in San Donà di Piave nello spaccio di cocaina. Gli arrestati sono stati tutti condotti in carcere ove rimangono a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE:

Somministrate le dosi del vaccino anti Covid a 81 ospiti e 52 operatori alla Stella Marina