Soccorsi dalla Polizia

Famiglia in barca finisce in una secca a San Servolo

Settimana scorsa un altro episodio analogo: questa volta è stato salvato un uomo a bordo di una barca a vela divenuta ingovernabile

Famiglia in barca finisce in una secca a San Servolo
Pubblicato:

Nella notte di mercoledì 7 febbraio 2024 l’equipaggio di una Volante Lagunare della Questura di Venezia è intervenuto nei pressi dell’Isola di San Servolo, in soccorso di un barchino in stato di avaria.

Famiglia in barca finisce in una secca a San Servolo

A seguito di una segnalazione giunta alla centrale operativa, gli operatori prontamente si sono recati presso il luogo segnalato, scorgendo ben presto l’imbarcazione con a bordo una famiglia composta da quattro persone, che era stata trascinata dalla corrente su una secca a nord di San Servolo.

Immediatamente gli agenti si sono apprestati ad effettuare le operazioni necessarie per mettere in sicurezza sia l’imbarcazione che le persone trasportate, operazioni che si sono rivelate più complesse a causa della possibile e pericolosa eventualità per i poliziotti di finire in secca a loro volta.

Una volta portata a termine l’attività di traino in sicurezza dell’imbarcazione presso il Lido di Venezia, i poliziotti hanno provveduto a rassicurare ed a prestare le cure necessarie ai malcapitati, visibilmente provati, infreddoliti e spaventati.

Nel corso della settimana precedente un altro analogo episodio era accaduto durante un servizio di vigilanza balneare, quando un equipaggio della Squadra Acque Interne della Questura di Venezia era intervenuto nei pressi delle bocche di porto di Malamocco per prestare soccorso ad una persona che, sbracciandosi a bordo di una barca a vela, cercava di attirare la loro attenzione.

Anche in quel frangente i poliziotti sono riusciti sia a mettere in sicurezza la barca divenuta ingovernabile a causa di un guasto al motore, che a condurre il cittadino austriaco presso il porto sicuro degli Alberoni.

L’immediato intervento degli operatori ha permesso così di scongiurare il peggio, evitando che l’imbrunire e la nebbia rendessero più complesse le attività di soccorso.

Entrambe le vicende, conclusesi a lieto fine grazie ai poliziotti della Sezione U.P.G.S.P. della Questura di Venezia, hanno dimostrato nuovamente l’importante ruolo svolto dalla Polizia di Stato nell’ambito dell’attività di soccorso pubblico e di pronto intervento al sevizio della cittadinanza.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali