Menu
Cerca
Arrestato

Crea un doppiofondo nel letto della figlia per nascondersi, latitante beccato nel campo giostre

Si tratta di Devis Cavazza 47enne, già in passato arrestato per diversi reati contro il patrimonio.

Crea un doppiofondo nel letto della figlia per nascondersi, latitante beccato nel campo giostre
Cronaca Venezia, 14 Maggio 2021 ore 13:39

Aveva creato un vano sotto il letto della figlia minorenne, proprio per l'eventualità in cui, le Forze dell'ordine si fossero messe a cercarlo. Ma gli è andata male: il campo giostre è stato circondato e lui, ora dovrà scontare la pena.

Crea un doppiofondo nel letto della figlia per nascondersi, latitante beccato nel campo giostre

Alle prime luci dell’alba, a Bibione di San Michele al Tagliamento (VE), i carabinieri del Nucleo Investigativo, supportati in fase esecutiva da personale delle Compagnie di Portogruaro e San Donà di Piave, dal 4° BTG Veneto anche con le SOS, dal Nucleo Carabinieri Cinofili di Torreglia e dal Nucleo Elicotteri Carabinieri di  Forlì, hanno proceduto ad una controllo approfondito d’iniziativa del campo giostre abithato da svariati nuclei familiari di sinti italiani, traendo in arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione della Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Trieste, Devis Cavazza 47enne, già in passato arrestato per diversi reati contro il patrimonio.

Il servizio, con l’impiego di più di cinquanta carabinieri che circondavano il campo giostre e con il sorvolo dall’alto di un elicottero dell’Arma, consentiva agli operanti di procedere al controllo dei vari abitanti ed individuare, dopo ore di ricerche, il catturando, già ricercato da settembre dello scorso anno, che si era nascosto, per sottrarsi ulteriormente alla cattura, all’interno di un doppiofondo ricavato al di sotto del posto letto utilizzato dalla figlia minorenne.

L’arrestato, dopo le operazioni presso la Compagnia Carabinieri di Portogruaro, è stato accompagnato presso la Casa circondariale di Udine, per l’espiazione della pena definitiva di complessivi due anni, 11 mesi e 19 giorni di reclusione per reati contro il patrimonio.