Emergenza Coronavirus

Coronavirus: ore di apprensione per Don Massimo

Si tratta del primo sacerdote contagiato della Diocesi.

Coronavirus: ore di apprensione per Don Massimo
Venezia, 09 Marzo 2020 ore 10:07

Coronavirus: a Padova ore di apprensione per Don Massimo.

Il sacerdote è il primo contagiato della Diocesi di Padova

Primo contagio all’interno della Diocesi di Padova. Sono ore di apprensione per Don Massimo Fasolo.

Ecco la dichiarazione congiunta del sindaco di Codevigo, Avv. Francesco Vessio, e del vicario generale della Diocesi di Padova, don Giuliano Zatti:

“Purtroppo siamo appena venuti a conoscenza in via ufficiale della positività al COVID-19 di don Massimo Fasolo, parroco delle parrocchie di Conche di Codevigo e di Valli di Chioggia.

La notizia, che era già stata anticipata dagli stessi familiari a ripresa dai social network, ci lascia veramente senza parole. I sanitari ci informano comunque che le condizioni di don Massimo sono stazionarie e sotto controllo. Siamo tutti vicini a don Massimo e ci auguriamo che possa far ritorno nella nostre comunità al più presto.

D’intesa con la Diocesi di Padova comunichiamo queste informazioni anche per informare che sono state prese tutte le misure di contenimento del contagio e di individuazione dei soggetti che nei giorni scorsi potrebbero essere stati a stretto contatto – per un tempo prolungato – con don Massimo.

La vicinanza del Vescovo:

Il Vescovo Claudio, in queste ore, è in contatto con i familiari di don Massimo, dai quali ha appreso che la sua situazione di salute è molto delicata. Il Vescovo affida al Signore don Massimo, le due comunità cristiane, tutti gli ammalati e i loro familiari, esprimendo un grande grazie a tutti gli operatori sanitari che con grande professionalità e generosità in queste settimane si stanno prodigando per il bene di questi fratelli e sorelle più bisognosi”.

Don Massimo è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Piove di Sacco.

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei