Controlli antidroga

Chioggia: quattro arresti per detenzione e spaccio di cocaina. Sequestrati 15mila euro in contanti.

A casa della donna intercettata mentre spacciava sostanze stupefacenti sono stati trovati contanti e più di 100 grammi di cocaina.

Chioggia: quattro arresti per detenzione e spaccio di cocaina. Sequestrati 15mila euro in contanti.
Chioggia, 24 Maggio 2020 ore 11:28

Quattro arresti, più di cento grammi di cocaina e quasi quindicimila euro in contanti sequestrati: questi i risultati di un’operazione svoltasi nel tardo pomeriggio di venerdì 22 maggio 2020 dai poliziotti del Commissariato di Chioggia.

Le prime indagini

Tutto nasce da un episodio avvenuto sotto gli occhi di un agente del Commissariato, impegnato in attività di controllo del territorio, che ha assistito a quella che sembrava una cessione di sostanza stupefacente da parte di una donna nei confronti di un uomo. Quest’ultimo, avvicinato, è risultato in effetti in possesso di circa mezzo grammo di cocaina. La donna è stata quindi seguita e poi raggiunta dagli agenti mentre si trovava insieme al compagno e ad altri due soggetti. Questi ultimi due, al momento del controllo, hanno iniziato ad agitarsi e hanno opposto resistenza, anche fisica, nei confronti degli operatori che procedevano. Per questo motivo sono stati arrestati per i reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. L’arresto è stato poi convalidato dal Pubblico Ministero.

Le perquisizioni

Nel frattempo è stato sottoposto a perquisizione l’appartamento della donna e del compagno, dove sono stati rinvenuti e sequestrati 102 grammi di cocaina e quasi 15.000 euro in contanti, oltre a materiale utilizzabile per il confezionamento delle dosi. I due sono stati quindi tratti in arresto per il reato di detenzione a fine di spaccio di sostanze stupefacenti. L’arresto è stato convalidato questa mattina e l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari, mentre alla donna è stato imposto l’obbligo di firma.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità