Cronaca
La denuncia

Bimbe molestate e picchiate durante le lezioni di Corano

Quando sbagliavano qualcosa venivano colpite con dei righelli usati a mo' di bastone... ma spesso il maestro allungava le mani e le palpeggiava

Bimbe molestate e picchiate durante le lezioni di Corano
Cronaca Venezia, 19 Novembre 2021 ore 11:33

Se sbagliavano venivano picchiate. Ma con l'uso di un righello: erano colpite sul dorso delle mani e sulla schiena. E già questo aspetto è inquietante. Ma da quanto emerge le cose andavano anche in modo diverso...

Bimbe molestate e picchiate durante le lezioni di Corano

Due bimbe, infatti, due piccole studentesse di meno di dieci anni, avrebbero pure subito molestie da quello che sarebbe dovuto essere solo un maestro di lingua araba e di Corano. E per questo motivo un 30enne originario del Bangladesh è sotto processo, non solo dunque per i metodi violenti utilizzati nell'insegnamento, ma anche per violenza sessuale aggravata dall'età delle presunte giovanissime vittime.

L'udienza preliminare, se non ci fossero stati problemi relativi alla notifica all'imputato, si sarebbe dovuta svolgere giovedì mattina di fronte al Gup di Venezia. E quindi è stato necessario un rinvio al 3 febbraio. A chiedere il rinvio a giudizio è stato il Pm lagunare. Secondo quanto hanno riferito gli inquirenti, i genitori delle due bambine avevano affidato al 30enne l'insegnamento (in forma privata) della lingua araba e del Corano.

Ma le lezioni erano divenute un vero e proprio incubo: botte con il righello (quando le bimbe sbagliavano qualcosa) e palpeggiamenti nelle parti intime, proprio mentre lui stava spiegando i significati della lingua o del libro sacro. E il tutto avveniva nell'abitazione dell'uomo, lontano da sguardi indiscreti. Ma le piccole alunne non ce l'hanno fatta a sopportare queste molestie e hanno confidato tutto ai genitori.

I fatti si sarebbero verificati in pieno lockdown, tra l'autunno del 2019 e i primi mesi del 2020, in terraferma veneziana. La testimonianza delle bimbe, con la mediazione di uno psicologo, è stata ritenuta genuina. Sembra che l'uomo, al momento incensurato, abbia però alle spalle un precedente nel suo Paese d'origine.