Polizia di Stato

Bicicletta elettrica rubata a Marghera: 33enne subito arrestato dalle Volanti

Il fatto è avvenuto all'alba di domenica scorsa. Il tunisino fermato ha anche cercato più volte di ferirsi. Scattato per lui il divieto di dimora.

Bicicletta elettrica rubata a Marghera: 33enne subito arrestato dalle Volanti
Cronaca Marghera, 19 Gennaio 2021 ore 15:15

Un cittadino residente a Marghera in Piazzale Tommaso Gar ha chiamato il 113 per segnalare il furto appena avvenuto della propria bicicletta elettrica del valore di circa 800 euro.

Bicicletta elettrica rubata a Marghera: 33enne subito arrestato

All’alba di domenica, un cittadino residente a Marghera in Piazzale Tommaso Gar ha chiamato il 113 per segnalare il furto appena avvenuto della propria bicicletta elettrica del valore di circa 800 euro.

L’uomo ha notato un soggetto vestito di scuro sollevare la bicicletta oltre la recinzione condominiale e, scavalcandola, allontanarsi in direzione di Via Tommaseo. Le volanti hanno intercettato in pochi minuti il soggetto nei pressi del vicino piazzale Martiri Giuliani; nel frattempo è giunta sul posto anche la vittima che ha immediatamente riconosciuto la persona fermata come l’autore del furto, il lucchetto tranciato trovato nelle
sue tasche e la bici come propri.

Ha cercato più volte di ferirsi

Il fermato si è mostrato sempre molto agitato; anche durante le fasi dell’accompagnamento presso gli uffici della Questura, ha cercato più volte di ferirsi, colpendo il divisorio in plexiglass dell’autovettura di servizio, fortunatamente senza riportare alcuna conseguenza. L’uomo, identificato per E. Y. I., tunisino dell’87, con numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, è stato quindi arrestato per il reato di furto in abitazione, con l’aggravante della violenza sulle cose.

Scattato il divieto di dimora

Informato il P.M. di turno, ieri mattina, lunedì 18 gennaio 2021, si è svolto il giudizio direttissimo che si è concluso con la convalida dell’arresto ed il rinvio dell’udienza all’8 marzo per la richiesta di termini di difesa avanzata dal difensore. All’indagato è stata applicata la misura del divieto di dimora nel comune di Venezia.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli