Responsabili identificati

Baby gang Sottomarina, altro episodio di violenza: aggrediti due veronesi

Nuova aggressione a Sottomarina in danno di ragazzi veronesi: individuati altri due giovani dalla Polizia di Stato.

Baby gang Sottomarina, altro episodio di violenza: aggrediti due veronesi
Chioggia, 02 Agosto 2020 ore 14:42

Nelle prime ore della notte del 1 agosto è avvenuto un nuovo episodio: altri due ragazzi, questa volta veronesi, sempre nei pressi del lungomare Adriatico, hanno subito una violenta aggressione

Nuovo episodio di violenza

Dopo le aggressioni contro giovani padovani avvenute nei giorni scorsi a Sottomarina ad opera di alcuni gruppi di ragazzi di Chioggia, i cui autori sono stati in gran parte già individuati e denunciati, nelle prime ore della notte del 1 agosto è avvenuto un nuovo episodio: altri due ragazzi, questa volta veronesi, sempre nei pressi del lungomare Adriatico, hanno subito una violenta aggressione da parte di un gruppetto di cinque sei ragazzi chioggiotti, che non gradivano la loro presenza a Sottomarina. Uno dei due ragazzi veronesi è stato colpito con un calcio in faccia che gli ha procurato la frattura di uno zigomo refertata dal Pronto Soccorso con 25 giorni di prognosi.

Individuati gli aggressori

Nel momento in cui alcuni passanti hanno chiamato le forze dell’ordine, gli autori si sono subito dileguati. Tuttavia, grazie ad una rapida attività investigativa, nella stessa mattinata di ieri, sabato 1 agosto 2020, i poliziotti del Commissariato di Chioggia sono riusciti ad individuare due degli aggressori.

I ringraziamenti dei genitori dell’aggredito ai poliziotti

Il primo, maggiorenne, è stato denunciato all’Autorità giudiziaria, mentre nei confronti del secondo, minore degli anni 14, è stata fatta una segnalazione alla Procura dei minori. Ai poliziotti sono stati rivolti anche i ringraziamenti dei genitori del ragazzo aggredito, per la tempestività dell’individuazione dei responsabili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità