Attualità
Confindustria Venezia

Turismo di qualità, ecco "My Special Venice": percorsi culturali d'eccellenza in un'unica card

La tessera digitale consente di visitare fino a sette luoghi a condizioni vantaggiose. Il Presidente della Sezione Turismo di Confindustria Venezia, Salvatore Pisani: “La sinergia tra le tante istituzioni culturali della città promuoverà percorsi alternativi e favorirà la destagionalizzazione dei flussi”.

Turismo di qualità, ecco "My Special Venice": percorsi culturali d'eccellenza in un'unica card
Attualità Venezia, 09 Giugno 2022 ore 16:03

Presentata questa mattina, giovedì 9 giugno 2022, a Venezia nella sede della Fondazione Querini Stampalia la card digitale My Special Venice.

Turismo di qualità, ecco "My Special Venice": percorsi culturali d'eccellenza in un'unica card

Un’esperienza turistica di eccellenza, attraverso percorsi studiati nelle realtà culturali associate a Confindustria Venezia. È questo l’obiettivo della card digitale My Special Venice, presentata questa mattina, giovedì 9 giugno 2022, a Venezia nella sede della Fondazione Querini Stampalia.

L’iniziativa, ad oggi, include: Collezione Peggy Guggenheim, Palazzo Grassi e Punta della Dogana, Fondazione Querini Stampalia, Fondazione Teatro la Fenice di Venezia, Fondazione Giorgio Cini (Complesso monumentale, Vatican Chapels, Labirinto Borges e Teatro Verde). Il progetto, realizzato da Confindustria Venezia insieme ai partner, consiste in una card completamente digitale valida 365 giorni per visitare i luoghi di cultura più straordinari di Venezia a condizioni vantaggiose.

“My Special Venice - ha evidenziato Salvatore Pisani Presidente Sezione Turismo di Confindustria Venezia - rappresenta uno dei progetti più innovativi promossi dalla nostra Associazione e legati al turismo in un centro storico come Venezia. L’idea, nata all’indomani della mia elezione a Presidente di sezione, si è consolidata attraverso la sinergia tra le tante istituzioni culturali della città. Una collaborazione che promuoverà percorsi alternativi, in un’ottica di sostenibilità, favorirà la destagionalizzazione dei flussi e rappresenterà un importante strumento di revenue management, ovvero di gestione delle entrate. Sarà, inoltre, di grande appeal per i giovani appartenenti alla Generazione Z, che attraverso la card digitale potranno scoprire Venezia in modo semplice e smart”.

Tutte le info sulla tessera digitale e i commenti

L’acquisto di My Special Venice avviene attraverso il sito www.myspecialvenice.com. È sufficiente verificare gli orari dei luoghi da visitare, valutare se sia richiesta la prenotazione, recarsi in biglietteria ed esibire il QR Code per usufruire dell’accesso veloce. Il turista, a seconda dal tipo di esperienza culturale che intende vivere, può scegliere tra le seguenti tre opzioni:

  • My Special Venice (full card) permette di visitare: Collezione Peggy Guggenheim, Palazzo Grassi + Punta della Dogana, Fondazione Querini Stampalia, Teatro La Fenice, Palazzo Cini, Vatican Chapels nell’Isola di San Giorgio
  • My Special Venice “Mecenati della cultura” (light card) consente di scoprire: Collezione Peggy Guggenheim, Palazzo Grassi + Punta della Dogana, Fondazione Giorgio Cini nell’Isola di San Giorgio
  • My Special Venice “Arte e musica” (light card) permette di visitare: Teatro La Fenice, Fondazione Querini Stampalia, Labirinto Borges nell’Isola di San Giorgio, Teatro Verde nell’Isola di San Giorgio.

“La stagione estiva è iniziata nel migliore dei modi. Abbiamo registrato moltissime presenze, con 33mila visitatori trainati dal grande evento del Salone Nautico. A favorire il boom delle presenze è anche la Biennale d’Arte che durerà fino a novembre. La fase di ripartenza che stiamo vivendo è perfetta per parlare del progetto My Special Venice. Il Comune di Venezia intende dimostrare il suo completo supporto a favore di questi momenti partecipativi, che mirano non solo a garantire un turismo di qualità, ma anche a tutelare l’esperienza del visitatore che rispetta la nostra Città. Grazie, quindi, a Confindustria per aver messo a disposizione questo strumento molto speciale fatto di esperienza, resilienza e forza di relazione” ha dichiarato, in rappresentanza dell’Amministrazione comunale di Venezia, la Presidente della IX commissione consiliare Silvia Peruzzo Meggetto.

“La mia azienda si occupa di valorizzazione dei Luoghi della Cultura e per noi è un onore partecipare a un progetto che vede coinvolte istituzioni di tale prestigio in una città di grandissimo interesse culturale come Venezia. La My Special Venice card sarà un formidabile veicolo di fruizione dei musei coinvolti per i visitatori che saranno condotti in percorsi diversi: è una bella occasione per trovarsi fuori da quelli tipici del turismo veneziano. Non posso negare che le card siano sempre una bella sfida, perché mettono insieme menti e organizzazioni diverse, ma mai come in questo caso l’obiettivo comune le darà lunga vita” ha concluso Ilaria D’Uva Amministratore di D’Uva Srl, partner tecnico del progetto.

Ecco luoghi culturali che si potranno visitare

Collezione Peggy Guggenheim

La Collezione Peggy Guggenheim è il museo più importante in Italia per l’arte europea e americana del XX secolo, e conserva la collezione della mecenate Peggy Guggenheim. Nel 1948 la collezione viene esposta alla prima Biennale di Venezia del dopoguerra. Fu allora che la Guggenheim acquista Palazzo Venier dei Leoni, un palazzo incompiuto sul Canal Grande dove avrebbe vissuto per 30 anni, fino alla sua scomparsa nel 1979. Il museo annovera oggi i capolavori dei più grandi maestri del Novecento, da Pablo Picasso, a René Magritte, Jackson Pollock, Max Ernst, Leonora Carrington, Leonor Fini, Alberto Giacometti, solo per citarne alcuni. Sito web: https://www.guggenheim-venice.it/it/

Fondazione Giorgio Cini

La Fondazione Giorgio Cini, nata per volere del conte Vittorio Cini, è un’istituzione culturale conosciuta internazionalmente che si distingue per essere un centro di studi e un luogo di incontri scientifici e diplomatici. Caratteristica della Fondazione Giorgio Cini, sin dalla sua nascita nel 1951, è l’articolazione in sette Istituti e due Centri di ricerca che garantiscono la vastità degli interessi di studio e il profilo scientifico delle pubblicazioni. Sito web: https://www.cini.it/

Fondazione Querini Stampalia

La Fondazione Querini Stampalia è una realtà culturale unica a Venezia. Nel cuore della città un antico e nobile Palazzo conserva preziose collezioni storiche e opere di grandi architetti contemporanei: Carlo Scarpa, Mario Botta,  Valeriano Pastor, Michele De Lucchi. Antico e moderno, passato e presente continuamente messi in relazione. Sito web: https://www.querinistampalia.org/ita/home_page.php

Fondazione Teatro La Fenice

Se siete in visita a Venezia, il Teatro La Fenice è sicuramente una tappa imperdibile per rendere unico il vostro soggiorno veneziano. La visita tra gli stucchi e gli ori delle prestigiose sale consente di scoprire retroscena e segreti del Teatro e dei suoi protagonisti, ripercorrendone la storia dalle origini fino ai nostri giorni. Il Teatro ospita una mostra permanente dedicata a Maria Callas e ai suoi anni di attività a Venezia. Sito web: https://www.teatrolafenice.it/

Labirinto Borges, Isola di San Giorgio

ll Labirinto Borges è stato costruito nel 2011 dalla Fondazione Giorgio Cini per rendere omaggio allo scrittore argentino Jorge Luis Borges, in occasione della ricorrenza dei 25 anni dalla sua morte: è composto da 3200 piante di bosso disposte secondo il disegno dell’architetto Randoll Coate e realizzato sull’Isola di San Giorgio Maggiore, a Venezia, per volere della vedova Maria Kodama, che desiderava ricordare l’amore che Borges provava per questa città dai percorsi intricati. Sito web: https://www.cini.it/

Palazzo Grassi - Punta della Dogana, Pinault Collection

Palazzo Grassi e Punta della Dogana sono i due spazi espositivi della Pinault Collection a Venezia. Situati in due edifici storici di Venezia e restaurati dall’architetto giapponese Tadao Ando, alternano mostre monografiche e collettive con opere dei protagonisti dell’arte internazionale del nostro tempo, da Damien Hirst a Rudolf Stingel, da Cindy Sherman a Roni Horn, da Maurizio Cattelan a Charles Ray. Sito web: https://www.palazzograssi.it/it/

Teatro Verde, Isola di San Giorgio

Il Teatro Verde è ambientato nel parco dell’Isola di San Giorgio ed è circondato dalla laguna. Questa struttura fonde la solennità dell’architettura teatrale classica con la grazia preromantica agreste, elemento fondamentale nella vita teatrale dei secoli che vanno dal ‘500 al ‘700. Fondato e costruito in cemento e in pietra, fasciato di alberi ad alto fusto e rivestito di arbusti, il teatro si stende come un grandioso elemento decorativo sul margine meridionale dell’isola. Sito web: https://www.cini.it/

Vatican Chapels, Isola di San Giorgio

La Fondazione Giorgio Cini ospita nel parco dell’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia Vatican Chapels, il primo Padiglione della Santa Sede alla Biennale Esposizione Internazionale di Architettura – La Biennale di Venezia. Uno spazio di circa un ettaro e mezzo che accoglie 10 cappelle realizzate da 10 architetti internazionali. Un luogo sospeso nella laguna, tra acqua, cielo e terra. Sito web: https://www.cini.it/

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter