Attualità
Pandemia

Quaranta treni al giorno saltati a causa del Covid: ecco come organizzare uno spostamento

Il personale di Trenitalia è letteralmente decimato a causa dell'impennata di positivi che ha costretto in quarantena una buona parte del personale di servizio sui mezzi. E per i pendolari, spostarsi, è divenuto quasi un incubo...

Quaranta treni al giorno saltati a causa del Covid: ecco come organizzare uno spostamento
Attualità Venezia, 30 Dicembre 2021 ore 09:30

Non c'è altro modo per definire la situazione: caotica. Anzi, forse un altro modo c'è: un incubo. Sì, per i pendolari che sono costretti a spostarsi nella regione a bordo delle carrozze dei treni, questo non è decisamente un buon periodo.

Quaranta treni al giorno saltati a causa del Covid

Corse cancellate, altre sostituite dai bus, offerta ridotta e disagi. A non finire. E tutto a causa della pandemia che ha costretto Trenitalia a prendere delle decisioni "impopolari". L'impennata di positivi provocata dalla variante Omicron ha letteralmente decimato una buona fetta del personale in servizio sulle corse.

Solo per fare qualche esempio, salta il treno regionale Padova Mestre delle 6.49, e quello Verona Porta Nuova Venezia delle 6.54 al mattino, quello tra Vicenza e Venezia delle 15.08, il Padova Treviso delle 18.46. Corse, come si può ben capire, solitamente prese d'assalto. E i disagi non sono destinati a finire presto... si parla di dover attendere almeno fino a domenica 9 gennaio.

Ecco come organizzare uno spostamento

Ovviamente l'azienda sta cercando di tamponare una "ferita" che, per restare nella metafora, è difficilmente curabile, con delle soluzioni tampone per riorganizzare alcune corse. La scelta è stata quella di sacrificare le tratte con una domanda meno importante.

Il consiglio per tutti i pendolari è di consultare il sito https://www.trenitalia.com/it/informazioni/Infomobilita/notizie-infomobilita.html (oppure telefonare al 800 89 20 21).

Al momento sono 41 i treni saltati, e altrettante le sostituzioni. Ma la situazione è in divenire e cambierà in base a quanto si allargherà la porzione di dipendenti contagiati dal coronavirus.

LEGGI ANCHE: Caos treni, il Covid travolge anche il traffico su rotaia