Menu
Cerca
Mestre

Il gigantesco "gozzo tiroideo" asportato all'Ospedale dell’Angelo: "Era così esteso da comprimere il cuore"

Aveva raggiunto il peso di oltre 600 grammi e un volume tale da provocare gravi difficoltà, intralciando addirittura la funzione respiratoria e quella cardiaca del paziente 63enne.

Il gigantesco "gozzo tiroideo" asportato all'Ospedale dell’Angelo: "Era così esteso da comprimere il cuore"
Attualità Mestre, 08 Giugno 2021 ore 14:59

Rarissimo è che raggiunga, com’è accaduto ad un paziente dell'Ospedale mestrino, il peso di oltre 600 grammi e un volume tale da provocare gravi difficoltà.

Il gigantesco "gozzo tiroideo" asportato all'Ospedale dell’Angelo

Il “gozzo tiroideo”, cioè il rigonfiamento anomalo della tiroide, una ghiandola che si trova nella regione del collo, è un fenomeno diffuso; rarissimo è che raggiunga, com’è accaduto ad un paziente dell'Ospedale mestrino, il peso di oltre 600 grammi e un volume tale da provocare gravi difficoltà, intralciando addirittura la funzione respiratoria e quella cardiaca.

“È accaduto ad un nostro paziente di 63 anni – spiega il professor Roberto Spinato, dell’Otorinolaringoiatria dell’Angelo – che ha sviluppato un gozzo tiroideo di più di 30 centimetri di lunghezza. Va detto che i gozzi immersi, o cervico toracici, rappresentano una entità patologica rara, e il più delle volte asintomatica; possono però dare complicanze molto gravi per l’azione di compressione che esercitano su organi vitali come trachea, esofago ed apparato cardiovascolare. Rarissime sono le forme ectopiche e di dimensioni notevoli: basti pensare che una tiroide normale pesa circa 20-30 grammi a fronte dei 600 grammi raggiunti dal ‘gozzo’ del nostro paziente. Un rigonfiamento così voluminoso e invasivo non poteva che essere affrontato con un intervento chirurgico, e ci ha portato quindi ad una sternotomia completa”.

Il delicato intervento

L’eccezionale intervento, necessario perché il "gozzo" dava evidenti segni compressivi sulla trachea e sull’apparato cardiovascolare, provocando dispnea da sforzo, fibrillazione atriale, stasi venosa e linfatica al collo, è stato compiuto in questi giorni all’Ospedale dell’Angelo. È stato eseguito dalle équipe chirurgiche dell’Otorinolaringoiatria e della Chirurgia toracica, che oramai da tempo lavorano in team per affrontare problematiche che interessano le vie respiratorie.

L’equipe chirurgica, composta dal professor Roberto Spinato e dal dottor Doriano Politi del Reparto di ORL e dal dottor Cristiano Breda, Primario della Chirurgia toracica, ha affrontato, con buon esito e senza alcuna complicanza, l’intervento molto delicato, che prevedeva una fase cervicale e una fase toracica.

“L’incisione cutanea, effettuata dapprima nella regione del collo per l’accesso alla loggia tiroidea – spiega il Primario Cristiano Breda – veniva estesa sul torace, per poi eseguire una sternotomia completa al fine di dominare la componente toracica della malattia. La componente intratoracica del gozzo da asportare, infatti, raggiungeva la porzione posteriore dell’arco aortico e una parte del rigonfiamento anomalo era autonoma e completamente staccata dalla tiroide e giaceva anteriormente a contatto con lo sterno, raggiungendo il margine inferiore dello sterno stesso, comprimendo la trachea fino a renderla filiforme”.

Durante l’intervento si è evidenziato come la parte profonda intratoracica della tiroide improntava il pericardio; si provocava così una compressione del muscolo cardiaco, che era la probabile causa della fibrillazione atriale della quale il paziente soffriva. A complicare ulteriormente l’intervento, per un più elevato rischio di emorragia, erano i farmaci anticoagulanti assunti proprio a seguito delle difficoltà cardiache.

Lavoro di squadra

Con questo intervento chirurgico si conferma e si rinnova l’efficace collaborazione tra i chirurghi ORL e i chirurghi toracici dell’Ospedale dell’Angelo, che già hanno eseguito interventi combinati, anche se mai avevano affrontato una sternotomia completa e con un caso di tali dimensioni:

“Questa collaborazione – sottolinea il Primario Doriano Politi – ha permesso di risolvere un caso estremamente complesso senza complicanze: nessuna ricaduta si è avuta in particolare sui nervi ricorrenti che fanno muovere le corde vocali, né sulle paratiroidi che regolano il metabolismo del calcio, né sulla trachea notevolmente complessa e sulle strutture cardiovascolari”.

Due giorni dopo l’intervento il paziente già iniziava a deambulare e si alimentava normalmente.