Attualità
Venezia

Dopo la pandemia tutto è tornato (a)normale: ma i turisti cafoni non ci sono mancati

A far discutere questa volta (l'ennesima) è il video di un mona che nuota in un canale.

Attualità Venezia, 12 Maggio 2022 ore 12:41

Insomma non scorderemo mai le strade vuote, i silenzi, la paura. La pandemia ha lasciato più di un segno nel cuore di tutti noi... Ma di certo, tra le mille cose negative, un aspetto positivo (a voler vedere proprio il bicchiere mezzo pieno) c'era: i turisti cafoni erano chiusi in casa. Ora che ci siamo lasciati alle spalle il peggio (si spera) stiamo osservando tutti la ripresa della normalità che a Venezia è anche un po' stravagante. Sì, perché con il rilancio del turismo sono tornati anche i cafoni, quelli che se ne fregano delle regole e combinano mezzi disastri...

Dopo la pandemia tutto è tornato (a)normale: ma i turisti cafoni non ci sono mancati

Una bella nuotata. La si potrebbe definire così, quella filmata un po' di nascosto a Venezia. Certo, se non fosse per un dettaglio un po' ingombrante. L'uomo registrato dallo smartphone in questione, se ne sta a mollo in un canale. Nonostante i divieti di balneazione. Nonostante il buon senso. Insomma, il video che sta diventando virale grazie all'immancabile "supporto" della pagina "Venezia NON è Disneyland" riaccende i riflettori sul tema del turismo "cafone".

Quello che, diciamocela tutta, non ci era proprio mancato nel periodo del lockdown. Ma che, gioco forza, con il rallentamento delle misure di contenimento, sta tornando ai livelli pre-pandemia. Con tutto quello che ne consegue: un rilancio dell'economia piegata da questi due lunghi anni di sacrificio globale, da un lato, e la piaga dei viaggiatori indisciplinati, dall'altro lato.

Ci si potrebbe fare una risata e chiuderla qui. E' vero. Però non sempre le goliardate restano atti di innocenza pura. C'è da tenere in considerazione che il rispetto delle regole viaggia a braccetto con il rispetto di un territorio, di una cultura, di una popolazione. Una riflessione, quindi, sembra quanto meno doverosa...

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter