Attualità
Opere pubbliche

Consorzio Venezia Nuovo salvato dal fallimento: Mose (forse) pronto per il 2023

Scampato il fallimento ora ci sono i fondi per terminare la grande opera (e anche per la manutenzione)

Consorzio Venezia Nuovo salvato dal fallimento: Mose (forse) pronto per il 2023
Attualità Venezia, 09 Maggio 2022 ore 17:25

Il Mose non è solo barriere e bocche di porto. Ma anche le opere compensative del piano Europa, dell'Arsenale, di Piazza San Marco. Il Mose è un insieme di opere tutte da compiere senza eccezioni. E questa non è una novità. Quello che cambia è ora un altro aspetto, finalmente ufficializzato: i soldi ci sono. Il Consorzio Venezia Nuova è tornato in attivo e adesso è tempo di rimettersi a lavorare.

Consorzio Venezia Nuovo salvato dal fallimento: Mose (forse) pronto per il 2023

E' stato il presidente dei costruttori edili di Venezia a lanciare un vero e proprio appello, a nome delle imprese del Mose, nelle scorse ore, proprio a margine della notizia più attesa: quella delle sorti del Consorzio, che ha scongiurato il rischio del fallimento. Il commissario liquidatore Massimo Miani ha ascoltato questo appello e ha illustrato il "piano di battaglia", perché ora non manca davvero nulla per ripartire.

"Abbiamo avuto bisogno di un po' di tempo per rimettere in moto la macchina - ha spiegato il commissario - I lavori erano fermi da oltre un anno, quasi due. Questa settimana si riparte".

Tanti i soldi nelle casse del Consorzio, compresa una quota per i costi extra delle materie prime e per l'energia. Basti pensare che il sollevamento delle paratoie costa tra personale ed energia 300mila euro. La commissaria sblocca-cantieri ha in mente un progetto che si affidi ai pannelli solari per alimentare il Mose. Ma la soluzione sostenibile non sarà pronta per il prossimo anno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter