Ancora bufale

Fake news coronavirus: non cadete nel falso messaggio dell'Inps

Installa un un malware che, installato sul cellulare, permette di accedere al dispositivo e di impossessarsi di password, dati delle carte, Pin, credenziali, e via dicendo..

Fake news coronavirus: non cadete nel falso messaggio dell'Inps
08 Aprile 2020 ore 09:10

C’è di buono che anche WhatsApp s’è dato una mossa, in tempi di quarantena da coronavirus in cui il traffico di messaggio è raddoppiato e con esso anche la diffusione di fake news sull’epidemia. E infatti la notizia è che il servizio di messaggistica istantanea targato Facebook ha deciso di introdurre un limite di inoltro per i messaggi, dato che gran parte di ciò che si lascia girare ultimamente sono, ahinoi, stupidaggini. Tra queste, l’ultima bufala è un finto messaggio dell’Inps che vi invita ad aggiornare i vostri dati online…

WhatsApp impone un nuovo limite

Proprio per l’emergenza coronavirus i messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta. È la misura annunciata da WhatsApp. Non sarà quindi più possibile prendere un singolo contenuto ricevuto da altre persone o preso da un gruppo, dunque già inviato (testo, foto o video) e rilanciarlo a cinque contatti, come finora era possibile.

“Lo scorso anno abbiamo presentato la funzione che consente di riconoscere i messaggi che sono stati inoltrati molte volte. Si tratta di un’etichetta dotata di una doppia freccia, che contraddistingue i messaggi di dubbia provenienza. A partire da oggi, questi messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta. Quando abbiamo imposto dei limiti alla funzione d’inoltro per contenere la propagazione di contenuti virali, il numero dei messaggi inoltrati a livello globale è calato del 25%”.

L’ultima bufala sull’Inps

La Polizia postale segnala un massiccio invio di messaggi (soprattutto via sms) che contengono una falsa comunicazione dell’Inps:

“A seguito della sua richiesta accredito domanda COVID-19. Aggiorna i tuoi dati nel inps-ixxxxx.online”.

Cliccando sul link viene scaricato un malware che, installato sul cellulare, permette di accedere al dispositivo e di impossessarsi di password, dati delle carte, codici Otp, Pin, credenziali, chiavi di accesso all’home banking o altri codici personali.

Potete verificare evitando di cliccare direttamente sul link contenuto, ma copiandolo e digitandolo sulla barra di ricerca per verificare che risultati escono.

In caso di sospetti potete effettuare una segnalazione sul sito della Polizia postale.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei